L’orco del bosco di Gravina di Puglia   Leave a comment

orco_smallOra che si sono spente le luci teatrali dei media, un reportage dell’Espresso ritorna sulla vicenda dei due fratelli di Gravina di Puglia, scomparsi ormai dal 5 giugno.

Se i primi interrogatori si erano concentrati sui familiari, da alcune settimane si sono aperti nuovi, preoccupanti, scenari.

Scavando nelle vicende del paese, la polizia ha appreso che un uomo (definito nell’articolo l’Orco) aveva più volte abusato dei ragazzini del luogo. Pare che la cosa fosse, come sempre in questi casi, conosciuta. Nessuno ha detto nulla, in precedenza.

 

Nel dossier vengono inoltre analizzati gli ultimi sospetti degli investigatori che ritengono probabile la possibilità di una rete legata a sette sataniche e pedofilia, molto più pericolosa e ampia, dell’uomo oggi sotto processo.

Qualcuno non può non sapere.

 

Resta da chiedersi quanto questo silenzio sia figlio della paura, dell’omertà o della piena collaborazione. E rientra nella piena collaborazione anche il silenzio di chi, in base alla parola “vergogna”, non parla e non denuncia, affidandosi così a quella sottocultura che vede i fanciulli, in fondo, come una sorta di oggetto e non come vittime.

Non entro nella questione di Gravina. Gli investigatori devono fare le opportune indagini sia per riportare a casa i due ragazzi, sia per accertare che in paese non accadessero cose “strane”.

 

Il mio discorso vuole essere piuttosto generale:

 

l’orco delle favole, non può esistere se non ha un bosco dove nascondersi.

Annunci

Pubblicato agosto 19, 2006 da samuelesiani in mondotondo mondoquadro, siamo stati bambini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: