Accordo di cooperazione militare con Israele   Leave a comment

Sono stato dell’idea che l’Italia partecipasse alla missione ONU in Libano. Che ne prendesse anche il comando, se necessario.

Del resto, ritengo l’ONU una forza che dovrebbe stare al di sopra delle parti.

Sono stato di questa idea, perché ho ritenuto questa crisi ben diversa rispetto a quanto capitato in Afghanistan e Iraq.

 

Poi però, frequentando come sempre il blog dell’amico Beppe Grillo, leggo un post che invita a riflettere.

 

Il post in questione propone una lettera di padre Alex Zanotelli e della rete Lilliput ed elenca una serie di motivi per cui sia necessaria la chiarezza del nostro Governo, prima di intraprendere una missione e promuove, a tal fine, un appello.

 

Ho deciso di unirmi a questo appello, in particolare per quanto riguarda l’Accordo di cooperazione militare con Israele, siglato dall’Italia nel 2005.

 

Questo accordo, come viene ben espresso nella lettera di Zanotelli,

 

[…] inficia in modo sostanziale e irrimediabile la nostra equidistanza. Il Diritto Internazionale impone, come minimo, la preventiva sospensione di tale Accordo, i cui termini dettagliati devono assolutamente essere resi noti all’opinione pubblica.

 

 

Forse è il caso di fare chiarezza, prima.

Annunci

Pubblicato settembre 8, 2006 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: