Giuseppe e Massimo   3 comments

prima

Giuseppe Orlando

«‘e figlie so’ figlie e so’ tutt’eguale

Su questa frase si basa il testo teatrale “Filumena Marturano” del grande Eduardo, la toccante vicenda dell’ex-prostituta che non vuole rivelare all’uomo che intende sposarla, quale dei tre figli è suo, facendo in modo da non farci rimettere gli altri due.

La sapeva lunga Eduardo.

Eppure ieri, Giuseppe Orlando e Massimo Vitaliano, entrambi militari di appena 25 anni, sono morti a poche ore di distanza (il primo in Afghanistan e il secondo in Iraq) per due incidenti stradali, senza che la notizia sia stata più di tanto divulgata, nonostante le cause ancora oscure dell’evento. L’unico TG a dare la notizia nella sua completezza, interrompendo la festa del ritorno a casa dei militari italiani dall’Iraq, è stato il telegiornale di RAI3. Tutti gli altri, hanno optato per un compatto silenzio o una breve frasetta. E lo stesso per la carta stampata e per i maggiori siti informativi.

Del resto, questi due ragazzi non sono morti come santi o eroi, ma come operai, che invece di cadere da un’impalcatura, sono stati schiacciati dalla mitragliatrice sul blindato.

Siano chiare due cose: la prima è che questo post non vuole essere sentimentale. Perché sentimentalismo, come nel tempo ho imparato, fa rima con sadismo.

La seconda, per ribadire che sono per la pace, che non mi piacciono i soldati in genere e, se per questo, neppure la Croce Rossa e molte ONG.

Ma occorre ricordare che spesso, o quasi sempre, ad indossare la divisa militare sono i figli delle zone più depresse dell’Italia. Ragazzi senza un grande futuro, che magari vedono nelle missioni all’estero la possibilità di mettersi da parte qualche migliaia di euro (stiamo poi parlando di migliaia di euro… non dei paracadute d’oro dei manager, di cui nessuno si scandalizza).

Anche se non si è d’accordo con quelle due orrende missioni in Afghanistan e Iraq, non si può gridare un bieco “fatti loro”. È da vigliacchi. Ed è troppo facile.

Con questo post dunque, voglio ricordare questi due giovani, morti troppo poco da eroi e in un momento in cui la fragile isteria della festa non deve essere fermata.

A Giuseppe e Massimo

 

Annunci

Pubblicato settembre 22, 2006 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con

3 risposte a “Giuseppe e Massimo

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. buongiorno

  2. …ad un anno dalla scoparsa di Giuseppe e di Massimo mi fa piacere leggere che qualcuno a pensato a quello che e successo e alla notizia che si e divulgata cosi in modo poco significativo ….Grazie di cuore …un ricordo a Giuseppe….SEI E RIMARRAI UNICO

  3. E’ la cosa che umanamente mi sono sentito di scrivere nei confronti di due ragazzi. Uno forse un tuo amico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: