Sul dopo Anno Zero   12 comments

Avrei voluto scrivere del dopo Anno Zero. Ma ritengo più utile riportare parte della testiomonianza di una delle ex-vittime, Marco, che in quella trasmissione era presente ed ha avuto modo di parlare. Qui il suo blog (dove leggere il post nella sua interezza), qui la sua associazione.

Le sue parole sono le mie. Perché fra tante chiacchiere, Marco non dimentica le vittime.

Ci tengo a scrivere le mie considerazioni su quello che è successo..  (…) penso (e voi tutti siete liberi di non pensarla come me) che sia mancata l’occasione alla chiesa (per intenderci parliamo di chi è a guida di questo gregge) di poter parlare direttamente a tutte le vittime che erano davanti al televisiore……

I politici

E cosa dire di quel politico che esclama “ieri sera ho provato infinito dolore guardando la trasmissione di santoro.” Quasi quasi credevo che qualcuno si fosse commosso per il dolore delle vittime del filmato o per i racconti degli amici coraggiosi di firenze. Invece…. quel politico si era commosso per l’attacco che la chiesa ha dovuto subire!!!! Poi c’è quello che dice che per completezza bisognava anche dire che milioni di bambini sono salvati dall’opera caritatevole della chiesa” . trovo assurdo che quando si parli di chiesa ci sia tutto questo tamtam… come se i telespettatori non fossero in grado di pensare e di discernere da soli: non era e non è in discussione l’operato della chiesa, ma quello delle gerarchie ecclesiastiche nel gestire il problema della pedofilia al suo interno! È come se quando si parla di pedofilia all’interno delle scuole qualcuno potesse pensare che è in discussione l’operato di tutti gli insegnanti o addirittura del ministero della pubblica istruzione!!!!

Tutti hanno chiesto la par condicio (si anche per la chiesa!): purtroppo però quando si consumano gli abusi nelle sacrestie e negli oratori la par condicio non c’è, perché non c’è nessuno che difende le vittime!

La redazione (www.annozero.rai.it)

 

Forse non si sono sentiti liberi del tutto e forse non lo sono stati… ma hanno cercato di essere “equilibrati”, hanno dovuto smontare la propria scaletta, adattarla alle esigenze di par condicio…… sono stati coraggiosi, Santoro lo è stato, ma forse potevano fare di più…… forse si poteva affrontare l’argomento diversamente, con altri ospiti oltre ai presenti, forse invitando anche coloro che assistono le vittime della chiesa e che devono fare i conti con “la pressione psicologica” (vogliamo chiamarla così?) che spesso viene fatta dai vertici ecclesiastici. (…) Ma una cosa… il filmato è stato trasmesso.. adesso tutti penseranno alla prossima puntata del giovedì….. ma per noi, purtroppo, il problema non è concluso!  Dobbiamo dare voce alle vittime, senza che ci sia  “la par condicio”. E non permettendo mai alle vittime di sentirsi sole e colpevoli di quello che è loro accaduto! 

La chiesa

La chiesa non fa seguire i fatti alle parole: lei dice che verso el vittime tutti quanti noi in ogni caso dobbiamo avere il più grande rispetto e la più grande vicinanza e anche verso le loro famiglie!!! Allora perché non ha approfittato alla fine della trasmissione per dircelo in faccia? E solo ad anno zero eravamo “pubblicamente” in 6?!!!!!! Avrebbe fatto un affarone fermandosi a parlarci…. In che modo manifestate la vostra solidarietà alle vittime e il vostro sostegno? Perché non ha approfittato per dire ai suoi confratelli di aiutare le vittime a denunciare per fare pulizia nella chiesa? 

E che dire di quei pedofili che si sono rifugiati in vaticano o i altri paesi per non essere processati nei paesi dove hanno commesso gli abusi? Non ha detto nulla al riguardo…… Sinceramente trovo che affrontare il problema della pedofilia nella chiesa limitandosi a riferire alcuni “tecnicismi” quasi da abile avvocato serve solo a sviare il problema (…) Ma dato che comunque molti suoi interventi si sono basati sui documenti che teneva in mano, poteva spiegarci almeno perché in quei documenti non si parla mai di aiutare le vittime? (…)

A tutte le vittime dovevate dire di non avere paura di uscire dal silenzio! Dovevate dire che gli abusi vanno condannati a voce alta e non in silenzio!

E ricordi.. quando una vittima si rivolge alla chiesa per essere aiutata è perché crede profondamente in essa… che però troppo spesso ha deluso.

Grazie Marco.

Annunci

12 risposte a “Sul dopo Anno Zero

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Devo dire che la visione del filmato tout court, non sollecitava quei sentimenti e quelle reazioni che invece sono scaturiti dalla visione dello stesso filmato, inserito nel contesto della trasmissione che ho trovato ben confezionata.
    Il problema del “dopo” rimane,troppo spesso ci si accontenta di denunziare o anche solo di capire senza che ciò costituisca sufficiente stimolo per azioni e reazioni concrete.Che dire?Che la società civile si è probabilmente assopita,abituata al peggio e questo costituisce un ulteriore elemento che va ad accrescere il senso di solitudine delle vittime.
    La chiesa ha i suoi “buoni” motivi per tacere.La società no.

  2. “non era e non è in discussione l’operato della chiesa, ma quello delle gerarchie ecclesiastiche nel gestire il problema della pedofilia al suo interno! È come se quando si parla di pedofilia all’interno delle scuole qualcuno potesse pensare che è in discussione l’operato di tutti gli insegnanti o addirittura del ministero della pubblica istruzione!!!!”

    PAROLE SENSATISSIME.

  3. Certo Cap,l’invito a non generalizzare è sempre condivisibile,tuttavia ammettiamo che la natura stessa dell’intero Apparato ,contiene i prodomi della nefandezza a cominciare dal celibato dei preti,passando per la struttura teocratica immutabile per finire al calo delle vocazioni e dei consensi (gente che pratica sempre meno) che suggerisce prudenza nel divulgare notizie che non siano edificanti.Come dire …una Struttura a rischio all’interno della quale il bene che può essere elargito rischia di essere vanificato da questi episodi.

  4. Sed la società rinnega l’abuso. Esso è una nuova SUPERSTIZIONE. Ed è più facile perseguire il colpevole (o proteggerlo) che ascoltare la vittima che, in certi casi, può raccontare cose che nessuno vorrebbe sentire.
    Personalmente poco mi frega se la chiesa è in parte o completamente corrotta. Così come la famiglia. Ma in esse si sono svolte e si svolgono violenze. E’ a quelle vittime che presto ascolto.
    Vi voglio bene, lo sapete vero?

  5. anche io ti voglio bene. ^^

  6. Pochi o molti (anche se fossi stato solo uno), gli abusi sessuali all’interno della chiesa ci sono stati e ci sono.
    Il problema è come prevenirli e come aiutare le vittime.

  7. beh anche come perseguire i colpevoli…onde dissuadere i futuri approfittatori.Se sanno che comunque la faranno franca…

  8. Certo sedlex, io l’ho dota per scontato che i colpevoli devono essere puniti severamente!
    ciao

  9. (mi riferisco a ciò che scrive Marco) mamma che parole…pesanti ma giustissime, ha ragione in pieno: e le vittime??

    Vero, ecco perchè la trasmissione mi è sembrata subito una occasione persa per fare chiarezza. Si, io pensavo anche ai singoli casi mandati in onda nel filmato, ma certo se in trasmissione ci sono le vittime, continuare a dire che anche la Chiesa è “vittima” mi è sembrato un insulto nei loro confronti. Un insulto gratuito.

    ciao!

  10. hai detto tutto tu, non mi resta che annuire.
    antonio

  11. erano tutti così concentrati a difendere la chiesa cattolica che a parte il giornalista straniero nessuno ha detto le fatidiche parole: Perchè la Chiesa non consegna alle autorità degli stati i preti che sono ricercati per reati sessuali ? Perchè la chiesa vuole che tutto questo sia messo a tacere ?
    Fossi credente sarei molto rattristato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: