L'ultima pietra   12 comments

palestina

Quando aveva 8 anni, Ramzi Aburedwan era stato fotografato con in mano due pietre pronto a colpire i soldati israeliani che in quell’inverno del 1987 avevano fatto un’irruzione nel campo profughi di Al Amari, uccidendo il suo amico Khaled.

La foto aveva fatto il giro del mondo ed era diventata il simbolo della Prima Intifada. Era stato intervistato e fotografato. Anni dopo, in America, ha visto le foto della Palestina e dice di aver capito e pianto solo allora.

Ramzi AburedwanScrivo di lui, perché è riuscito a superare la rabbia e l’odio. Ramzi oggi suona il violino, insegna al Conservatorio di Ramallah e ad Angers, in Francia e suona col suo gruppo, i Dalouna, raccogliendo fondi per inviare strumenti in Palestina.

Ma soprattutto perché non è una vittoria singola, quella di Ramzi. Non ha dimenticato la sua terra, i tanti bambini vittime di questa guerra fratricida. Così da tempo ha creato un’associazione, Al Kamandjati (il violinista) che insegna a suonare il pianoforte, il contrabbasso e vari altri strumenti a bambini palestinesi tra i 4 e i 12 anni.

Perché dice: "Il futuro della Palestina è in mano ai bambini di oggi".

E mette strumenti musicali, anziché pietre o armi, nelle mani dei bambini. 

 ramzi

Annunci

Pubblicato giugno 13, 2007 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con ,

12 risposte a “L'ultima pietra

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Storia bellissima.
    Ma il futuro della Palestina è sempre più cupo

  2. a volte temo che il futuro della palestina sarà peggio del presente…

  3. Storia molto bella, ma per i bambini palestinesi c’è anche questo: http://www.youtube.com/watch?v=cMPculxsUx8

  4. La situazione in Palestina è molto più complessa della lotta Israele-Palestinesi con cui ci hanno riempito la testa in questi anni. Quello che sta succedendo in questi giorni purtroppo lo conferma.
    Speriamo che in futuro ci sia davvero più spazio per gli strumenti che per le bombe e che i bimbi di quello sfortunato paese possano crescere senza essere condizionati dall’odio dei grandi. 😦

  5. ormai qualunque cosa metti in mano a un bimbo palestinese viene lanciata contro un carro armato.

  6. Sono d’accordo con voi. La situazione è molto cupa e complessa. Per questo propongo un esempio di speranza.
    @ Gianl: molto preoccupante il video su youtube…

  7. se quelli coi carriarmati e i cacciabombardieri non la piantano di massacrare quelli coi sassi, la guerra non finirà mai..

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

  8. @ santa: infatti…
    OT che ci fai un salto al Pride?

  9. nn lo so Samuè perchè sto un po tanto impicciato sto fine settimana.. pessimismo e fastidio.
    se trovo un po di tempo un salto lo faccio…

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

  10. ma puoi vedere la posta da roma?? mandame una mail che se riesco a passare te scrivo e se beccamo…

    sANTAkLAUS

  11. non credo di riuscire a collegarmi ad internet. Ma se mi giri una mail ti invio direttamente il mio numero di telefono!

  12. Il clown nei tombini[..] Molto spesso in questo mio blog mi arrabbio, è vero, viste le uscite della Binetti e di Ferrara. Ed è pure sano arrabbiarsi di fronte a queste bestialità. Però oggi ho voglia di raccontarmi – e se lo volete, di raccont [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: