Gli amici della Chiesa: Henry Kissinger   37 comments

Questo post si collega in qualche misura con quello, straordinario e ben documentato, dell’amico Finazio sulla sciagurata e scaltra suora Teresa, più nota come madre Teresa di Calcutta.

 

Con questo post vorrei descrivere brevemente una delle tante figure profondamente ambigue della nostra storia – secondo alcuni, come secondo alcune sentenze, un vero criminale di guerra – che si può collegare con la Chiesa della piccola suora albanese.

L’uomo di cui parlo è Henry Kissinger, Segretario di Stato del più odioso presidente degli Stati Uniti d’America, Richard Nixon (il confronto con Bush lo lascio alla storia. Ad oggi è troppo presto).

Indubbiamente un abile statista, come ammette anche lo storico Canfora, Kissinger (assurdamente premiato col Nobel per la Pace nel 1973) fu uomo privo di alcuno scrupolo. Recentemente è tornato alla ribalta per la scoperta di documenti in cui risulta che mise sotto stretta sorveglianza dal Fbi la vedova di Martin Luther King, Coretta, per il timore che questa svolgesse un ruolo di «raccordo tra il movimento contro la guerra del Vietnam e quello per i diritti civili». Ma Kissinger si macchiò di veri e propri atti criminali appoggiando varie dittature (Argentina, Cile) e come ideatore di massacri in Vietnam, Angola, Laos, Cambogia, Timor Est, Cipro. Su di lui, una serie di procedimenti giudiziari: a Parigi, il 28 maggio 2001 fu raggiunto dalla polizia francese all’Hotel Ritz, con un mandato del giudice Le Loire per essere interrogato sui cittadini francesi rapiti da Pinochet. Kissinger fuggì immediatamente, ma il provvedimento resta tuttora valido. In Cile, in Argentina e in Spagna ci sono inchieste in corso contro di lui. A Washington pende una denuncia per concorso in omicidio, stilata dagli eredi del generale Schneider e il governo brasiliano ha rinviato una conferenza a San Paolo, temendo un mandato dei giudici locali.

Lewis Gaddis, oltre un quarto di secolo fa, lo consegnò alla storia con queste parole: "Kissinger ha lavorato sodo per diventare una sorta di Principe nel secondo atto. Ora che siamo giunti al terzo, continua a serpeggiare nell’ombra, portandosi dietro ‘un buon numero di valigie’, le cui etichette – Cile, Angola, Iran, Vietnam, Cambogia, Laos – giacciono una sull’altra in un guazzabuglio di fallimenti e di manipolazioni".

 

Eppure… nel 2002 il presidente George W. Bush lo nomina presidente della commissione incaricata di chiarire gli eventi dell’11 settembre 2001: questo fatto suscita critiche tali, da parte di coloro che lo accusano di crimini di guerra, che lo portano a dimettersi dalla commissione il 13 dicembre 2002.

 

E infine… il 29 settembre 2006, il pontefice Benedetto XVI ha ricevuto nella sua residenza di Castel Gandolfo l’Ex Segretario di Stato americano Henry Kissinger, e gli ha chiesto di entrare a far parte del suo staff di consulenti di politica estera.

Kissinger ha accettato.

 

Fonti:

Link

http://www.altremappe.org/GuerraPreventiva/Kissinger.htm

http://www.arabcomint.com/henry.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Henry_Kissinger

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200709articoli/25314girata.asp

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200611articoli/13605girata.asp

http://www.aisjca-mft.org/Kathleen.htm

 

Libri e stampa

Processo a Henry Kissinger, Christopher Hitchens, Fazi ed., Roma 2003.

Esportare la libertà, Luciano Canfora, Mondadori, Milano 2007.

The Rush for the Second Place, John Lewis Gaddis, Essays and Ocassional Writings,  Paperback 2002.

Torna Kissinger, l’uomo dei segreti, di Gianni Riotta, su Il Corriere della Sera, 3 dicembre 2002.

Kissinger consiglia Ratzinger, di Paolo Mastrolilli, su La Stampa, 4 novembre 2006. 

Vedova King, sorvegliata speciale, di Francesco Semprini, 1 settembre 2007.

My autobiography, Unshackled: A Survivor’s Story of Mind Control, di Kathleen Sullivan (vittima in prima persona di abusi), published in 2003 by Dandelion Books ISBN 1-893302-35-0

 

Documentari

The Trials of Henry Kissinger, di Alex Gibney e Eugene Jarecki, tratto dal libro di Christopher Hitchens e prodotto dalla BBC.

 

Annunci

Pubblicato settembre 4, 2007 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con ,

37 risposte a “Gli amici della Chiesa: Henry Kissinger

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Kathleen Sullivan
    My autobiography, Unshackled: A Survivor’s Story of Mind Control
    published in 2003 by Dandelion Books ISBN 1-893302-35-0

    Kathleen Sullivan ha molto da dire sulle esperienze “molto private” riguardanti la BRUTALITA’ pedofila di H.K.

  2. Il paragone con Bush, purtroppo, regge bene….
    Due uomini piccoli piccoli, che si sono macchiati di innumerevoli atrocità conrtro l’umanità, di cui, il più anziano ha partecipato all’11 settembre di cui nessuno vuole parlare….quello cileno!
    E ricevuti, nonostante ciò, con tutti gli onori dalle gerarchie ecclesiastiche…

  3. @ utente anonimo: grazie per l’informazione che inserirò tra le fonti del post.
    @ Loreanne: vero. Ma di 11 settembre ne esiste ancora un altro, ancora meno conosciuto: quello russo, che ha portato alla vittoria l’ex ufficiale KGB Putin. Ne parlerò prossimamente.

  4. Non posso che essere d’accordo con te.
    Non riesco proprio a giustificare l’attribuzione del Nobel per la Pace ad un personaggio che ha commesso tante nefandezze.
    Tra l’altro proprio nel 1973, anno del colpo di stato in Cile, del quale ha avuto una bella fetta di responsabilità.
    Pax americana?

  5. alcune frasi attribuite a Kissinger:

    a proposito delle elezioni in Cile: “Non vedo alcuna ragione per cui ad un paese dovrebbe essere permesso di diventare marxista soltanto perché il suo popolo è irresponsabile. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli”

    e ancora: “Oggi l’America sarebbe oltraggiata se le truppe dell’ONU entrassero a Los Angeles per ripristinare l’ordine; domani sarà loro grata. Ciò è vero soprattutto nel caso che venisse loro riferito di una minaccia esterna, sia reale che ventilata, che mettesse in pericolo la nostra esistenza. Allora tutte le popolazioni del mondo implorerebbero i loro capi di liberarle da quel male ”

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

    ps
    un 11 settembre russo??? sarà un caso??? aspetto con ansia.. 😀

  6. Un ritratto di uomini viscidi, e molto molto piccoli.
    Un sorriso un po’ triste
    Mister X di Comicomix

  7. Kissinger è, come Andreotti, uno che quando morirà andrà in Paradiso perchè Satana a casa sua non ce li vuole: gli rovinano l’ambiente

  8. @ Franca: forse non è un caso che gli sia stato dato il nobel proprio in quell’anno, il 1973.
    @ Santa: conoscevo quelle frasi. Se fai un giro nei link indicati ne trovi altre molto interessanti.
    @ Mister X: uomini viscidi. Hai detto bene.
    @ Conigliolo: te prego nun dimenticà Cossiga!

  9. Ho commentato ad un post su Teresa di Calcutta, sul blog di Pino Scaccia, giornalista che stimo. Il mio commento è però stato cancellato in parte e vi era questa aggiunta:
    Non condivido assolutamente. (…) E non è solo il mio punto di vista.
    samuelesiani

    Rispettabile ogni punto di vista. Ma il link porta a un post pieno di insulti che riporta a un altro link anche più offensivo. Un conto sono le opinioni, un conto è la mancanza di rispetto, oltretutto gratuita. E non disposto ad ospitare queste offese qui.

    Questa poi la continuazione della discussione:
    Io: Scusa? Un blog pieno d’insulti? Forse ho sbagliato link oppure vedi insulti dove non ci sono. Per altro la questione nasce da un giornalista come Hitchens che non è certo l’ultimo arrivato.
    Sono desolato, sinceramente, che tu abbia censurato il mio commento che NON conteneva alcun termine volgare o che potesse offendere qualcuno.
    Da parte mia, di fronte a questa tua presa di posizione, non posso che togliere immediatamente il link dal mio blog.
    Per altro e infine, i termini sciagurata e scaltra, dal mio punto di vista – queste le parole riportate sul mio blog – non sono insulti…

    Pino Scaccia:E anche pericolosa, come avevi scritto nel commento. E altro. Ma è tutto il senso del post (e quello dell’altro link) che sono offensivi, non ci vuole un genio a capirlo. Non si fa altro che accostare Madre Teresa a personaggi definiti “profondamente ambigui” o addirittura “criminali di guerra” come Kissinger. O a “corrotti o disgustosi tiranni” come la Tatcher e Reagan.
    Allora, visto che le parole hanno un senso, il senso è chiarissimo. E molto grave.
    Possiamo anche essere d’accordo sui giudizi negativi intorno a questi personaggi ma intanto accostarci la suorina è in gran parte gratuito e, poi se mi permetti, gli aggettivi vanno usati con raziocinio. Non è che sul blog si possono usare certi termini. Un conto è contestarne la politica un conto è definire Kissinger un criminale di guerra o disgustoso tiranno la Tatcher. Scrivere su un blog non dà diritto all’insulto.
    Il link? E’ una tua scelta. E lascirti la firma automaticamente rilanciando il tuo link è una forzatura che faccio a me stesso. E che non ripeterò se non cambi i modi di porre la questione, ovviamente qui. Tu sei padronissimo di scrivere quello che vuoi, ma io sono altrettanto padrone di non fare da cassa di risonanza.

    Io: Vedi Pino, il termine “pericolosa” era usato non certo senza cognizione di causa, in quanto secondo molte fonti (e permettimi di poterle ritenere attendibili) le misure di prevenzione e le pure cure mediche nei sanatori di Teresa erano limitatissime e non certo per la carenza di fondi. Molto facile accompagnare alla morte un signor nessuno, tutto un altro intraprendere cure e affrontare l’impegno della scienza e della medicina per salvarlo. Senza scomodare miracoli. Non vedo un peccato, pertanto, collegare questa figura tanto amata dalla Chiesa a Kissinger che ne è un membro dello staff di politica estera. Nel mio post, come credo nel mio intero blog, non ho mai, per altro, parlato di Tatcher o Reagan. Cosa c’entra dunque con le mie affermazioni?
    Sei libero, qui è casa tua, di cancellare il mio nome e i miei commenti. Non parlavo per creare attriti con te – persona che stimo – o con i tuoi lettori ma per proporre un’altra visione di questo personaggio, visione che sarà pur criticabile ma è appoggiata da medici, giornalisti come te ed ex operatori dei suoi stessi sanatori.
    Un saluto, Samuele.

  10. Gli ultimi scambi di battute tra me e Pino Scaccia. Forse sono stato burrascoso, ma è un fatto che in qualche modo ci siamo compresi. E questo è l’importante.

    Pino Scaccia:
    Samuele, le parole hanno un peso. Quando scrivi pericolosa significa pericolosa, se non spieghi. Della Tatcher ha parlato il blog (l’ho ripetuto piu volte) che hai linkato fin dalla prima riga. E comunque anche per quanto ti riguarda definire criminale di guerra (parli di sentenze: quali?) Kissinger mi pare assolutamente spropositato. Si può criticare, ripeto, senza insulti.
    Io non ti ho mai cancellato nè ho nessuna intenzione di farlo. Infatti sei liberissimo come vedi di dibattere. Mi riferivo al link. E se mi permetti anch’io ho il diritto di dissentire da quello che tu scrivi, dunque di non rilanciarlo.
    Cosa che invece sta avvenendo. Mi pare da parte mia una grande disponibilità alla libertà di pensiero.
    Io: Non intendevo approfittare di questo spazio per fare da cassa di risonanza, Pino. Se guardi anche solo due o tre post indietro, ti accorgerai che non è nelle mie corde.
    Preciso che ho usato il termine criminale, un po’ forte è vero, ma spinto da ciò che ne hanno scritto Hitchens, Canfora e – non ultima – la Sullivan, una ex-vittima americana di abusi rituali!
    Non sono per lo scontro, ma per l’incontro. Anche se su certe cose posso scaldarmi più che su altre. Spero tu mi abbia compreso.

  11. Mi dispiace essere stato involontariamente motivo di scontro tra te ed altre persone. Le mie opinioni sono mie e me ne assumo ogni responsabilità. Non cambio di una virgola circa quanto ho scritto della Tatcher, di Reagan e soprattutto di Teresa di Calcutta, ed ovviamente chiunque è libero di pensarla diversamente. La stima resta immutata, anzi ho insertito il tuo blog tra i miei link. A presto!

  12. grande questo post…su uno dei personaggi più discussi….un altro è Luttwak, per esempio….

  13. @ Finazio: figurati e io mi assumo la totale responsabilità di linkarti poiché, dal mio punto di vista, ciò che scrivi è documentato. Criticabile, ma documentato. Su Pino Scaccia avrei ancora alcune aggiunte sugli ultimi commenti tipo: “Ma per chi crede Madre Teresa è Beata e in procinto di diventare Santa.
    E non spetta a noi poveri mortali istruire processi.”
    Come a dire, dunque, chi siete voi per toccare la santa work in progress. Alla faccia della libertà di pensiero e di critica. O ancora meglio l’ultima sua battuta: “Poi, se mi permettete, mi viene da ridere. Ci sono nick improbabili che appartengono chissà a quale Grande Statura che si arrogano il diritto di auspicare “analisi più critiche”. E su quali basi? Fatte da chi? Leggendo qualche libro qua e là? Riscrivendo la Storia?”. Niente male, no?
    @ Sermau: è quantomeno un punto di vista che secondo me è utile conoscere.

  14. “definire criminale di guerra (parli di sentenze: quali?) Kissinger mi pare assolutamente spropositato????”

    Pino scusa, serve una sentenza per definire uno come Kissinger criminale di guerra???

    Ti scordi parecchie cose allora e te le scordi volutamente perchè sono convinto che le sai!!!
    Nessun tribunale emetterà mai una sentenza contro criminali quali Kissinger, Bush, Sharon ecc…. e questo lo sai bene!! Per il semplice motivo che la LEGGE sono LORO.

    O vogliamo dire che nel mondo regna la giustizia..???

    Pino ti scordi fatti importanti della “carriera” del signor Kissinger, l’uomo che definisce il sudamerica il giardino di casa degli USA!!

    Ti scordi il colpo di stato in Cile, ti scordi la scuola delle americhe, ti scordi le collaborazioni con personaggi come Nixon o GWBush o Ford o con la TRILATERAL COMMISSION, eccetera eccetera eccetera….

    Se Kissinger non è un criminale io sono il Papa.

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

    ps
    Scusa se nn ho risposto sul tuo blog, ma i commenti sono chiusi..

  15. Non posso allontanarmi un attimo senza che tu combini guai in giro per blog…ho letto tutto comunque..

  16. Non ho combinato guai! Ho solo bisticciato. Ma appena appena. Mi ha detto che il link portava ad un blog pieno d’insulti. Il mio blog pieno d’insulti? La mia timida creaturina? Giammai, messere, manco se ti chiami Pino Scaccia!

  17. @ Santa: grazie per questo contributo. Pino è piuttosto arroccato sulla sua idea e ribatte citando insulti inesistenti. Per poi tirare battute feroci a discussione conclusa. Ma tant’è. Ho compreso con chi stavo interloquendo. E via subito il link al suo blog.

  18. Offro una mediazione dialettica :
    Probabilmente Scaccia tiene alla precisione di linguaggio più di quanto i suoi colleghi non facciano abitualmente (di questo compiaciamoci!).In effetti Kissinger non è Arkan o Milosevich e anche se la sua politica è stata ispiratrice di nefandezze non si può assimilare ad un criminale di guerra in senso proprio.Non parliamo poi della Tatcher che è stata primo ministro di un governo di destra, deprecabile,anzi di più..ma non criminale. Ferme le nostre opinioni,le definizioni dovrebbero essere più aderenti ai fatti…almeno sul blog di Scaccia…

  19. pino scaccia gia ha censurato golem a proposito delle vignette si abu ghraib (golem ne aveva postata una di un autore sconosciuto) dicendo che nn era corretto ecc…

    poi è uscita la vignetta di vauro, che è famoso, e quindi andava bene…

    sai uno quando è GIORNALISTA (visto che è una casta e nn è che ti alzi la mattina e fai il giornalista..) dovrebbe dire le cose come stanno.
    PER UN GIORNALISTA LA VERITA’ DOVREBBE ESSERE UNA MISSIONE.

    Anche quella volta pino scaccia, per giustificare la censura, comincio ad attaccarlo, cercando di farlo passare per stupido (che poi è quello che ha fatto con te dicendo dei nick improbabili..).
    E’ una tecnica che usano anche i politici: se nn ti posso controbattere sui fatti, ti faccio passare per idiota e vinco uguale..

    Ma nn siamo mika tutti fessi!!!

    Se un giornalista minimizza le azioni di Kissinger mi fa pensare male…

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

  20. @sedlex pensi sul serio che Kissinger sia meglio di Milosevich???

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

  21. figurati se Benedetto si lasciava sfuggire un uomo con tutte quelle qualità che lui adora…
    😉

  22. @ Sed: se Pino rileggesse il secondo capoverso forse eviterebbe tanti giri di parole. Io dico infatti:
    “una delle tante figure profondamente ambigue della nostra storia – secondo alcuni, come secondo alcune sentenze, un vero criminale di guerra – che si può collegare con la Chiesa della piccola suora albanese.”
    Quegli alcuni sono i seguenti, che dal sito altremappe, in riferimento al doc tratto dal libro di Hitchens dicono:
    “Nel dicembre del 2002 viene proiettato al Lincon Center di New York il film inchiesta di Alex Gibney e Eugene Jarecki The Trials of Henry Kissinger, tratto dal libro dell’inglese Christopher Hitchens (1) e prodotto dalla BBC. Nel film, Kissinger viene definito senza mezzi termini un criminale di guerra, ideatore di massacri in Vietnam, Angola, Laos, Cambogia, Cile, Timor Est, Cipro, Argentina, implicato nelle più oscure covert actions della storia americana in Brasile, Spagna, Medio Oriente.”
    La mia leggerezza, semmai, è quella di aver aggiunto “alcune sentenze”: infatti HK ha solo una pendenza legale contro di lui intentatagli dalla famiglia di Rene’ Schneider (http://www.arabcomint.com/henry.htm), mentre non è mai stato processato in Francia e Spagna (nel primo caso per essere fuggito di corsa).
    Detto questo, io ho proposto alcuni fatti a mr Scaccia:
    1° che molti giornalisti, medici e ex operatori degli stessi sanatori di Teresa accusano questa di dilettantismo in campo medico e di aver avuto più a cuore i battesimi che la SALUTE dei suoi pazienti.
    2° che la stessa istituzione, la chiesa, porta sotto la sua ala sia “la matita di dio” sia HK che (non abbiamo sentenze che lo condannano come criminale) senza ombra di dubbio è una delle figure più ambigue del secondo Novecento.
    A questi fatti, Pino mi ha risposto con un non-fatto, una fregnaccia:
    “Ma per chi crede Madre Teresa è Beata e in procinto di diventare Santa.
    E non spetta a noi poveri mortali istruire processi.”
    Ecco la risposta di Scaccia.
    Poi la questione terminologica, se HK sia o meno un criminale o Teresa pericolosa, scaltra e sciagurata è fumo neglio occhi (tenendo presente che la scaltrezza in certi contesti sociali o politici serve a portare la pelle a casa e non è necessariamente un insulto!).
    Mi si risponda sui fatti!

  23. Sam non mi far coprire il ruolo di quella che difende gente che manco per la capa gli passa.Tutti questi libri e documentari, non sono “fatti” o meglio se la metti sul piano dei “fatti” ,chiunque ti direbbe: fammi vedere una condanna emessa da un qualsiasi tribunale di quelli che hai citati.
    Io credo di capire che Scaccia sia guardingo per altri motivi.E posso capire che un giornalista che compare con nome e cognome sul web metta regole ferree al suo sito onde evitare di passare la vita nelle aule dei tribunali a difendersi dalle querele.

  24. Sed non sto parlando di giurisprudenza. Non è il mio campo. Ci affogherei!
    Ma umanamente è un fatto, dal mio punto di vista, che la chiesa si sia circondata di personaggi ambigui e abbia stretto pericolose amicizie. Come ritengo “fatti” le testimonianze, almeno fin tanto che non vengono smentite. E meritano la stessa attenzione di chi grida alla santità, perbacco!
    So che ognuno è responsabile legalmente del proprio blog e ne risponde (forse anche per i commenti).
    Detto questo, Scaccia può fare come meglio crede. E’ comprensibile. Ma non accetto comunque quando parla di insulti riferiti al mio blog. Può pararsi se ritiene che possa comprometterlo (è vero, lui ci mette la faccia) ma senza attaccare e farmi passare per uno che vuole rileggere o peggio ancora riscrivere la Storia! O se ritiene, cancellare e bloccare l’ingresso al mio ID. Sarebbe più dignitoso. Almeno per me.
    Lungi da me l’idea di pensarti il difensore di quella gente. Manco a me passa per la capa!

  25. Non c’è “forse”, qualunque titolare è responsabile anche per i commenti ( e non invochiamo una legge ad hoc, per carità , potrebbero fioccare ulteriori restrizioni).Comunque …riconsidera il significato del termine ” fatti ” che non può essere affidato alla semplice smentita – se io dico che sei alto due metri e tu non smentisci , non è che mi diventi automaticamente uno spilungone –
    La materia “Madre Teresa” è controversa,io per esempio non mi sono mai avventurata in quella giungla e comunque i dubbi sussistevano anche quand’era viva.Una cosa è certa personaggi molto mitizzati attirano su di sè posizioni estremizzate e reazioni uguali e contrarie.Magari la verità è una sintesi (e NON un colpo al cerchio e uno alla botte) di entrambe le posizioni.Kissinger è diverso,è stato un politico, ha fatto il segretario di Stato (in genere però non sono loro a ordinare le stragi) e seppure le responsabilità sono assai diverse da quelle del Presidente,il suo ruolo non è sicuramente “sfumato”.E la sua politica è stata quel che è stata, cioè fetente.

  26. PS La giurisprudenza non c’entra ma in questi casi se il tribunale ,per esempio dell’Aia o la Suprema Corte si pronunciano, diciamo che lo fanno in base a prove accertate.Te la proponevo come una delle possibilità per l’appunto di accertamento dei “fatti”.Ma era un discorso puramente teorico.

  27. @Santa: si, vero, Pino Scaccia mi censurò più di un post su blogfriends, ma ci chiarimmo. semplicemente non gradiva il mio modo di fare, e sono stato prima rimosso dalla “tribù”, poi riaccettato, poi nuovamente rimosso e di nuovo reinserito. ma tutto chiarito. resta il fatto che se non posto lì da tanto un motivo ci sarà, e non è solo a causa delle “regolette” di Pino, che resta un grande giornalista. discorso lungo.

    la vignetta che postai Sante non è affatto di un autore sconosciuto (se non lo conosci tu non è che sia per forza sconosciuto, eh!! :-D), è di Pillinini, un tarantino che collabora costantemente con la Gazzetta del Mezzogiorno ma ha anche fatto qualcosina per Repubblica etc..

    ho letto solo ora il post di Finanzio, e devo ammettere che non sapevo nulla di nulla in merito a Madre Teresa. Mi è presa una botta di sconforto, certo, a leggere quelle notizie. Il punto è: la verità, caro Samuele, dov’è?
    sarebbe carino informarsi ulteriormente ed approfondire…

    in merito alla polemica con Pino Scaccia: credo che lui abbia sbagliato a fare “censura” parlando di blog pieno di insulti, ma è un pò il suo modo di fare, sicuramente dettato dall’essere un giornalista ed avere un nome, cerchiamo di comprendere. l’importante è che vi siate chiariti…

    un salutone!!

  28. il mio commento precedente era @Santa e ovviamente @Samuele 😉

  29. Sed hai ragione su testimonianze e smentite. Putroppo non divento uno spilungone, come dici tu ma resto sul mio metro e settanta.
    Detto questo ciò che mi interessava specificare è che ci sono situazioni deboli e altre più forti. Ci sono testimonianze che difficilmente avranno prove su cui trovare conferme (ti faccio l’esempio più semplice: un giovane abusato difficilmente potrà, una volta adulto, trovare le prove dell’abuso subito. Ciò non toglie che potrebbe COMUNQUE non essere vero, questo è chiaro, ma potrebbe esserlo. Come e su quali basi dunque credere? Non è materia facile). La sintesi è un’idea, una possibilità che neppure io scarto. Sul blog di Pino di fronte ad un profluvio di “preghiamo per lei” e “che ci accompagni con la sua grazia”, cito frasi inventate, proponevo la contrapposizione, il punto di analisi del personaggio compiuta da Hitchens e riportata da Finazio (per Teresa) e da me (per HK). Poi, dove starà la realtà, non ho di certo gli strumenti per definirlo. Ma devo tenere presente anche le voci fuori dal coro nel farmi un’idea. In questo senso intendevo il discorso sulle testimonianze. Mi ero spiegato decisamente male, prima. Hai fatto bene a puntualizzare.

  30. @ Golem: difficile dire dove sta la verità. Ma come indicavo a Sed credo sia utile sentire tutte le campane. Per quanto riguarda Scaccia, accetto di essere censurato. Può fare ciò che vuole a casa sua. Non tollero ripeto che si appoggi a temi come “insulti” o che scriva che “nick improbabili” vogliono riscrivere la storia o il polpettone che “lei hai fatto del bene tu no, sei comodo sul tuo divano”. Per quanto ne sa lui, infatti, io potrei scrivere dal Darfur!

  31. Fiuuuuuu…cominciavo a pensare di essere il solo che s’ ammala il fegato su internet…..

  32. I poteri forti sono sempre “alleati”.
    VAFFANCULO-DAY
    C’è tanta gente da mandare “A’FFANCULO”.
    Tu, chi vorresti mandare?
    http://www.etnarossa.splinder.com

  33. @ Capelli: Hai voja. Sto andando di malox da giorni! Ma ci farà bene tenere un blog??? 🙂
    @ PieroC: ce ne sarebbero sai quante!

  34. Capelli una volta disse una cosa illuminante : il guaio è che nun je poi menà ( trad : il problema è che non puoi picchiarli).
    Bisognerà fare i conti con il senso d’impotenza che sopraggiunge quando, allo stremo del thread,non hai capito e non sei riuscito a farti capire.
    Poco male, questo mi aiuta a ribadire a Sam che bisogna sempre un po’ mettersi nella testa dell’intelocutore,anche io sono portata a credere che quanto letto qui e altrove abbia fondamento, ma l’ultima cosa che farei è proporre simili tesi a persone che cercano la verità con criteri differenti dai miei.Quindi lasciamo stare il maalox e i guantoni e cerchiamo la verità a modo nostro.Nel dubbio.. un po’ a sinistra.

  35. Il guaio dei confronti su internet è che anche quando capisci di averla fatta fuori dal vaso, non puoi retrocedere di un millimetro: c’è una platea che ti osserva! Siamo vittime di noi stessi e delle nostre ‘politiche editoriali’….ovviamente non mi riferisco ai presenti, parlo in generale. Oltretutto il discorso di Sam lo condivido pienamente.

  36. E cmq io prima o poi qualcuno lo trovo….e se lo trovo è meglio che lui sia molto veloce (anche questa perla di sensatezza è di tono generalistico)……
    :-)))))))))))))))))))))))))))

  37. @sedlex
    sed scusa se mi intrometto, quello che dici è vero sicuramente, però se sei un giornalista dovresti dire e cercare la verità, nn nasconderti dietro ad un dito (come quando passa all’attacco con motivazioni futili, tipo battute sul nick usato da chi commenta… che poi è anche una cosa scorretta!!)

    se nn vuoi discutere con i lettori, non aprire un blog!!!
    (nn è riferito a te ovviamente)

    so che tu non difendi assolutamente Kissinger, ma ti risulta un caso nella storia dove sia stata condannata una persona di potere?

    che nn ci siano sentenze nn dimostra l’innocenza di questi personaggi.

    per fare un esempio Sharon era stato inizialmente processato per il massacro di SABRA E SHATILA dalla corte internazionale del Belgio.

    Quando però si è arrivati al momento della sentenza il Belgio (per nn condannare un capo di stato di un paese amico) ha preferito rinunciare alla giurisdizione internazionale, chiudendo il procedimento penale prima della sentenza.
    http://www.newspusher.org/dblog/articolo.asp?articolo=12

    questa non è giustizia e dimostra ancora una volta che certe persone sono al di sopra della legge, almeno finchè detengono una posizione di potere.

    Se un giornalista non ha il coraggio di dirlo però, per me nn merita di essere chiamato giornalista.
    il giornalista dovrebbe agire per l’informazione, nn per negarla..

    dire: “definire criminale di guerra Kissinger mi pare assolutamente spropositato”
    significa dimenticare i morti di Santiago del Cile, i desaparecidos in Argentina, gli squadroni della morte, ecc.. significa chiudere glil occhi su almeno 50anni di “politica estera” (che io chiamerei “terrorismo di stato”) USA.

    E’ uno schiaffo a tutte queste persone che hanno perso la vita per colpa di questi signori..

    ps
    scusa se ti sono sembrato eccessivamente preso, giuro che nn farei mai male ad una mosca.. 😀

    @golem
    hai ragione, dicevo “sconosciuto” per dire che nn è famoso come Vauro…
    mi sono espresso male, faccio mea culpa… scusa Pillinini!!! 😀

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: