Perché la chiesa ha perso.   11 comments

foto di ! Franz Maga !

Un po’ di tempo fa, commentavo un post dell’amico Daniele che scriveva sdegnato sull’ennesima intercessione vaticana nei fatti del nostro Stato sovrano. Dicevo a Daniele nel commento, che la chiesa cattolica non è il male del mondo. Ma un male e sicuramente un pericolo, questo sì  ("La più grande multinazionale del mondo", l’ha definita Luttazzi).

Impegnandosi per un nuovo illuminismo, attendendo che l’Europa ci aiuti a liberarci di questo insostenibile peso, è altrettanto necessario affermare con forza che non siamo cretini e che sappiamo.

Sappiamo che la chiesa ha perso.

Che le sue parrocchie sono vuote, come sono vuoti i seminari. Sappiamo che la sua forza non sta nei tanti onesti parroci lavoratori (che anzi ha sempre messo ai margini, se non addirittura ostracizzato come don Milani, come padre Alex Zanottelli, uomini degni di tutta la mia stima), ma nelle corporazioni, nell’Opus Dei, in Comunione e Liberazione, in Militia Christi.

Sappiamo che senza gli aiuti del nostro stato, sareste perduti. Soldi rubati a tutti, come quelli dell’8 per mille della quota senza preferenza che ricade in gran parte a voi. Sappiamo che senza politici deboli – o peggio ancora, corrotti – che bocciano dalla finanziaria emendamenti che avrebbero riportato giustizia nel grosso albero della cuccagna dell’8 per mille, senza finanziamenti alle vostre scuole private, dove voi castrate e indottrinate generazioni di ragazzi, senza altri mille finanziamenti che dalle casse dello stato (ripeto, quindi di tutti) passano a voi, non avreste che la Cappella Sistina da vendere ai giapponesi.

Sappiamo di come vi siete legati, nella storia recente, alle peggiori dittature: dal fascismo a Franco, da Videla a Pinochet.

Sappiamo che se tanto vi battete per l’aborto, altrettanto non vi prodigate contro la pena di morte.

Sappiamo del vostro arcivescovo Marcinkus, di Padre Pio e dell’acido fenico, dei vostri pedofili coperti e spostati di diocesi in diocesi. E sappiamo di come alcune vostre diocesi debbano dichiarare bancarotta, per risarcire le vittime.

Sappiamo che piazza san Pietro la domenica è piena più per folclore che per sincero interesse. Che molti di quelli che si vedono lì, si potrebbero vedere accalcarsi davanti al tribunale per il processo di Cogne, per il passaggio della Franzoni e un autografo. Molti vengono a guardarvi come potrebbero guardare l’Acquario di Genova.

Sappiamo che non potreste fare una manifestazione come il Family Day senza pagare il trasporto e il vitto al vostro popolo.

Sappiamo perfino dei vostri miracoli autocertificati e che la scelta dei santi ha sempre avuto finalità politiche: come è il caso Maria Goretti (per dettare un controllo sul corpo della donna e continuare con una morale bigotta e maschilista) e le centinaia di persone uccise nella guerra civile spagnola e in questi giorni beatificati (proprio ora, guarda caso, che Zapatero sta mettendo mano al concordato).

Sappiamo che i politici che si riferiscono a voi sono quelli più infidi, quelli più pericolosi o quelli che si fanno beccare con le squillo e la cocaina.

Sappiamo tutte queste cose. 

Non potremo con questi politici cambiare a nostra volta il concordato e mettere la Chiesa al suo posto.

Ma sappia che la teniamo d’occhio, che nulla ci sfugge e che non la molliamo.

Perché noi sappiamo che la chiesa ha perso.  

Annunci

Pubblicato novembre 5, 2007 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con

11 risposte a “Perché la chiesa ha perso.

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Sai, io non sono poi sicura che la Chiesa abbia già perso e mi preoccupa la grande ingerenza che sta attualmente praticando nella vita civile e politica.
    Speriamo che sia l’ultimo colpo di coda di un mostro colpito a morte, ma non ho questa impressione.
    Gli aiuti economici dello Stato alla Chiesa li ritengo vergognosi (quelli alla scuola privata anche incostituzionali), ma purtroppo per noi la Chiesa sarebbe ricchissima anche senza questi.
    Basti pensare alle sue banche e alle sue multinazionali…

  2. Sono d’ accordo con te, ma dire che ha perso secondo me non è esatto. Lo si potrebbe dire in un mondo giusto dove la comunicazione è libera e le persone ragionano con la loro testa, ma purtroppo non si tratta del mondo in cui ci troviamo a vivere. Il nostro mondo è fatto di comunicazione paghettata e politici corrotti. Il nostro mondo ospita ancora un’ infinità di persone che credono fino al delirio nell’ onestà plastificata del clero e sarebbero disposti ad impugnare le armi per testimoniarlo. La Chiesa non è sconfitta, è solo presa in castagna. E nella storia non è nemmeno la prima volta, hanno superato situazioni più difficili. Inoltre la spinta islamica e la paura del diverso che deriva dall’ immigrazione le daranno nuova forza, temo….

  3. La chiesa “avrebbe perso” solo perchè urliamo che il re è nudo? E’ giusto non abbassare la guardia e continuare a ripetere queste cose, è giusto non smettere mai di ripetere che il Vaticano è uno stato straniero che si nutre del nostro sangue e che la Chiesa è uno strumento poitico e non religioso, ma caro amico mio, temo non abbia perso.

  4. @ Capelli e Finazio: lo so, amici, lo so. Ma quello che possiamo e dobbiamo fare è diffondere la verità che ha perfettamente sintetizzato Finazio: “il Vaticano è uno stato straniero che si nutre del nostro sangue e che la Chiesa è uno strumento poitico e non religioso”. Non smettere. Parlarne ovunque. La chiesa è un morto che parla. Se la luce ci cadrà sopra, credo che il processo di decomposizione sarà accelerato.
    Il re è nudo non implica che abbia perso, vero. Ma intanto iniziamo a vederlo per quello che è: nudo! Poi cosa succede dopo, si vedrà.

  5. @ Franca: comprendo che la chiesa sarebbe comunque ricchissima. Hai ragione. Ma quello che vorrei fare è stimolare a vedere la chiesa per quello che è una multinazionale che succhia il sangue.
    Quando e qualora la gente si accorgesse che le sta toccando il borsellino (e che con soldi senza preferenza dell’8 per mille, Angius proponeva che venissero utilizzati per edilizia popolare…) chissà che la gente si sveglia. Non sto lottando coi massimi sistemi. Non mi interessa il confronto con Volonté o altri tirapiedi e reggipancia. Mi interessa mostrare alcuni fatti in concreto e propagarli, se possibile. Non con i “comunisti mangia bambini” o i “radicali mangia preti” ma fra la gente comune. Senza gridare. Ma iniziando un discorso in panetteria dicendo: “Ma lo sai di quell’emendamento bocciato in favore della chiesa? E dire che i nostri figli non riescono a mettere su casa e quando si propone edilizia popolare si preferisce dar soldi ai preti”. Ecco, questo intendo.

  6. In effetti l’unico modo di colpire a morte la Chiesa, come per la mafia, è colpirla nel portafogli. Se ogni italiano sapesse quanto pagherebbe di meno in tasse ogni anno avrebbe una spontanea repulsione verso questo mostruoso pozzo senza fondo con la tonaca.

  7. infatti. nessuno scontro laici/cattolici. Nessun grido. Nessun “attacco alla chiesa”. Solo constatazioni. Da fare dal parrucchiere e camminando per strada possibilmente a voce alta.
    PS La mafia non muore perché purtroppo E’ l’economia di certe terre e ha legami ovunque. La chiesa, al contrario, è un parassita. Ma dalla sua ha duemila anni di vita. Temo che il vecchio parassita venderà cara la pellaccia.

  8. Un post “acido” ma molto lucido.
    Anch’io credo che la deriva clericale e ultra conservatrice della Chiesa, che sembra mostrare tanto i muscoli sia un segno di debolezza…
    le stesse spettacolarizzazioni di Giovanni Paolo II erano una risposta a questa debolezza..
    ora, che non c’è il carisma mediatico comunicativo che aveva lui, è rimasta la superficie…
    Ma in un mondo bombardato d’immagini, e nonostante il conformismo imperante, La Chiesa, se non si rinnova nel profondo e non recupera “l’anima” è destinata a perdersi definitivamente.
    E forse, da laico, non è neanche detto che sia del tutto un bene.
    Un sorriso come vuoi
    Mister X di Comicomix

  9. Sam, sei un grande!

    Originale e innovativo il tuo punto di vista, non siamo noi in pericolo, ma loro sulla via dell’estinzione e della fine.

    Insomma un po’ come gli ultimi colpi di coda di una realtà agonizzante prima della vittoria finale.

    Solo che fino a quando avremo questi politici che si genuflettono senza ritegno e dignità invece di avere il coraggio di non lasciarsi “guidare” dal Varicano, sarà sempre più coimplicato e difficile.

    Ma avremo forza sapendo che de facto la Chiesa ha perso.

    Daniele il Rockpoeta.

  10. Grazie della visita!
    Tu ed il tuo amico avete visto giusto. Già tempo fa ne scrivevo a proposito di una conversazione con un’amica che mi diceva la stessa cosa: hanno perso.

    Non credo che saranno così lucidi (per nostra fortuna) da convocare un nuovo concilio, ma prima o poi mi aspetto una ribellione dalla chiesa dell’America Latina.

    In ogni caso, non sarà facile assistere ad un miglioramento. Più si vedono in pericolo e più alzano la voce.

    Opponiamoci non solo parlandone e diffondendo informazione, ma essendo creativi e facendo proposte che vanno nella stessa direzione di quella di Angius: riprendiamoci l’8×1000!

  11. @ Stratex: guai a cadere nella trappola da loro tesa di mettersi in dialettica con loro. Ogni scambio, ogni confronto, persino ogni VERITA’ vengono rivenduti come “attacchi alla chiesa” perpetrati da una qualche lobby (come quando parlano di lobby gay, che mi fa incazzare come una belva. Senza contare che l’uso di questa parola dal mio punto di vista mostra un qualche rimando all’ “excusatio non petita”…).
    Scusa se lo dico, ma ho un’idea piuttosto bassa degli italiani: se no, non mi spiego come FI sia il partito più forte. Detto questo, trovandosi di fronte a delle capre, più utile della dialettica è il… PETTEGOLEZZO! Se questi fatti, la smettiamo di gridarli e li passiamo alla gente comune sottoforma di “pettegolezzo”, vedrai il casino…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: