Curare i torturati   11 comments

Quando torturi una persona crei dieci terroristi.

Albert Camus

 

Nel 1973, la neurologa danese Inge Genefke accolse l’appello di Amnesty International che chiedeva ai medici di partecipare alla lotta contro la tortura nel mondo. L’anno successivo è alla guida di un gruppo di medici e fonda l’ Irct (Centro internazionale di riabilitazione e ricerca per le vittime della tortura) a Copenaghen, di cui è tuttora ambasciatrice.

Scopriamo dalle sue parole che negli anni ’70

non esisteva una sola riga di letteratura medica. Non sapevamo nulla delle conseguenze fisiche e psichiche. Le prime vittime che curammo erano rifugiati cileni e argentini.

Della tortura dice:

ho capito che deriva dal potere. Certo esistono persone sadiche, ma non è questo il punto: la tortura è soprattutto sopruso, è il principale strumento che esista contro la democrazia. Tant’è vero che nelle dittature c’è sempre. Come sappiamo vengono colpiti soprattutto gli oppositori politici. Lo scopo è intimidire e indebolire la popolazione.

 e ancora

la tortura non è concepita per ottenere informazioni. Si tratta di un fatto ormai noto da diversi anni, nonostante oggi ci sia chi ne rivendica l’uso per combattere il terrorismo."

Ritiene infatti che la tortura non sia un mezzo a totale appannaggio di dittature e che anzi possano verificarsene dei casi anche per mano di nazioni democratiche e in luoghi occidentali e non in guerra: in un’intervista al TG3 di pochi giorni fa, cita infatti i  casi del G8 di Genova e la prigione di Guantanamo

La dottoressa Genefke è stata presente al MEDFILMFestival di Roma (dall’8 al 18 novembre), per la presentazione di Diritti umani. Cultura dei diritti e dignità della persona nell’epoca della globalizzazione, opera multimediale ideata da Marcello Flores e pubblicata dalla Utet (www.dirittiumani.utet.it). 

I brani della dottoressa Genefke sono tratti da un articolo molto più ampio a firma di D. Gnocchi e V. Parisi, al quale rimando, su D La Repubblica delle Donne, del 10 novembre 2007, n. 573.

Nel film, La vita segreta delle parole la vediamo interpretata da Julie Christie, nell’atto di occuparsi delle conseguenze della guerra nei Balcani.

Annunci

11 risposte a “Curare i torturati

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Grazie per la segnalazione, non conoscevo e l’argomento merita di essere da me approfondito. Interessante il blog, molto interessante.

  2. Ho letto questa notizia ed ho sentito parlare di questo film che voglio cercare di vedere.

    Purtroppo ha ragione su tutto ma nulla cambia ahimè.

    Ciao Sam
    Daniele il Rockpoeta

  3. @ Kitty: grazie a te.
    @ Dani: intanto facciamo conoscere chi sta dalla parte giusta.
    PS Il film lo devo vedere anch’io.

  4. La tortura è, ovviamente usata per estorcere informazioni, ma è anche un metodo di umiliazione, per dimostrare chi è che detiene il “potere”

  5. secondo questo medico, Franca, nell’atto della tortura il confine fra vero e falso salta. Di conseguenza è poco utile per ottenere informazioni. Perché si direbbe qualunque cosa e gli stessi aguzzini non saprebbero quali informazioni sono utilizzabili.

  6. E’ interessante come da fuori vedano le faccende italiane con molta più lucidità della nostra sedicente opinione pubblica. Un’autorità del campo vede i soprusi del G8 di Genova come tortura, qui ci scanniamo ancora sulle eventuali commissioni d’inchiesta.

  7. @ Finazio: così, pour parler: Cossiga minaccia di non votare la finanziaria se Prodi insiste a portare la commissione al Parlamento.

  8. Eppure sembrerebbe uno strumento indispensabile a qualsiasi aspirante democrazia stile Usa, e lo dimostra il manuale che é stato soffiato al Pentagono, ed é stato pubblicato sul Web.

    Un saluto, Blogalizacion.

  9. E pensare che certe correnti dello studio storico ancora considerano valide le testimonianze rese sotto tortura…..

  10. Ammetto la mia ignoranza, non la conoscevo.
    Grazie.
    Un sorriso informato
    Mister X di COmicomix

  11. wow… bel blog! ti va di fae un giro da me? abbiamo tematiche in comune e magari ci sta anche uno scambio link!
    http://tommids.blogspot.com
    tommi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: