Archivio per marzo 2010

DĂ©bâcle   5 comments

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

E’ stata una débâcle. Totale, inaspettata, molto dolorosa.

Abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità: sono stati mesi faticosi, ma intensi. Noi radicali non abbiamo soldi, viviamo di militanza, della generosità delle persone che si fermano ai tavoli a firmare e della nostra. Quei pochi che abbiamo li abbiamo utilizzati in modo parsimonioso per la campagna. Già sapevamo che avremmo dovuto fare tutto noi: dal volantinaggio, all’attacchinaggio. Tutto, col le nostre poche forze. Ma è anche questo il bello.

Purtroppo abbiamo perso su tutta la linea. La nostra lista ha raccolto un risultato ingiusto e ai minimi storici: 0,7%… non siamo riusciti, ovviamente, a fare nemmeno un consigliere.

Ma i problemi non sono solo questi. Come sapete, il Piemonte passa per la prima volta sotto la bandiera della Lega. Questa cosa, amici, mi tocca profondamente. Per chi abita a Torino e provincia, ci si era tutto sommato abituati all’idea di abitare in una piccola isola felice, più vicina all’Europa che alla Milano dei leghisti e di Cl.

Ora conosceremo tutti insieme le piccolezze, lo sguardo miope, la paura come risposta a qualsiasi domanda, la separazione al posto dell’integrazione.

Le battaglie civili che avremmo voluto e potuto portare avanti in Consiglio regionale (per esempio, quel modello di welfare emiliano che ha aperto i servizi alle coppie di fatto) non sono solo lontane, ma impossibili. Allo stesso modo, Cota sarà impietoso verso qualsiasi apertura alle minoranze, a partire da quelle LGBT, e figurarsi per cose per cui già lo tengono per le palle, come la RU486.

In tutto questo, i grillini gongolano, convinti di essere il virus che distruggerà un sistema malato. Del resto, gliel’ha detto il guru Grillo, vuoi mettere? Per loro Bresso e Cota sono uguali, anzi: lei è peggio; non è un caso che Grillo abbia fatto una campagna vergognosa direttamente mirata contro la Bresso, definita sul suo blog “Attila”. Addirittura sono poi rimpallate sui social network, accuse tanto stupide quanto calunniose contro l’ex governatrice che ricordano – scriveva un amico – i metodi di Feltri, altro che virus…

Ora hanno Cota, ma ce lo sorbiamo tutti. Il Piemonte è pronto per diventare una colonia lombarda e chissà di quanti anni si tornerà indietro.

Pubblicato marzo 31, 2010 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con ,

Intervallo (?)   20 comments

Ho messo un punto interrogativo, perché non è un vero e proprio intervallo.

E’ che sta capitando una bella cosa, che mi emoziona molto ma che mi porterà via un sacco di tempo. Non so quanto me ne resterà per postare o leggere i tanti, tantissimi blog nel mio RSS readers. E di questo, già mi scuso.

La cosa bella è il fatto di essere tra i candidati su Torino e provincia, nella Lista Bonino/Pannella alle regionali del Piemonte di fine mese. Lista che, ovviamente, appoggia la brava governatrice Bresso.

Il blog non lo mollo per tutto il mese, come neppure i blogger che leggo. Solo sarò molto, molto più scostante.

Ah! Se curiosando trovate la lista, non cercatemi con questo pseudo. Ve l’ho già detto: il mio nome è Mimi… no, Andrea! 🙂

E fateci gli auguri!

Pubblicato marzo 1, 2010 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con , ,