Archivio per aprile 4, 2010

Per Sodano, la testimonianza delle vittime è un 'chiacchiericcio'.   3 comments


"E’ con lei il popolo di Dio, che non si lascia impressionare dal chiacchiericcio del momento, dalle prove che talora vengono a colpire la comunità dei credenti".


Con queste parole dette in occasione della messa pasquale di oggi, il cardinale Sodano dimostra in modo spregiudicato la veridicità del fatto che la chiesa abbia sempre protetto se stessa, e continui a farlo, anche a discapito delle vittime.

Come è possibile considerare ‘chiacchiericcio’ le accuse, centinaia e centinaia di testimonianze, in tutto il mondo, di ex-vittime e sopravissuti di preti pedofili?

Ecco dunque di che razza di persone staimo parlando. Persone protette anche da buona parte del proprio stesso gregge,  convinto che vi sia in corso un tentativo di distruggere la chiesa, perché chi è con Gesù è libero e fa paura (cit.)

Quei cattolici, come quelli che, ascoltate le parole di Sodano in piazza San Pietro oggi, non hanno sentito in coscienza di andarsene da lì, scandalizzati e offesi dalle parole dell’alto prelato, sono corresponsabili dei casi di abusi che la chiesa ha pervicamente coperto, ma non solo: sono anche corresponsabili per tutte quelle vittime che non testimonieranno per paura di non essere credute o di subire una gogna, nella quale le vittime diventano colpevoli.

A quei cattolici, pieni di libertà e verità, infrangibili, inattaccabili dal dubbio, non arriverà mai alle orecchie il lamento delle vittime, come le parole di Barbara Blaine, uno dei leader di Snap, rete americana che lotta per le vittime sopravissute ai preti pedofili:"Le vittime cercano consolazione e guarigione e non dovrebbero essere insultate e sentirsi dire che le loro parole sono chiacchiericcio" 

Annunci