E' tutto finito? – Canadian's genocide III   3 comments

Il documentario Unrepentant di cui ho parlato nei precedenti post testimonia non solo l’orrore di violenze ed esperimenti compiuti su bambini nelle scuole religiose canadesi, ma svela anche il sistema di protezioni che si attiva nel momento in cui si è scoperchiato il vaso di pandora (e ciò che si racconta qui, è assolutamente simile al racconto di Regina Louf, perfettamente descritto nel suo libro autobiografico).
 

Una marea di fango si è sollevato contro di noi, dice Kevin Annett.

Ma perché quella continua violenza? Del resto, si trattava di cose del passato…

Ecco, c’è un passaggio estremamente importante nel documentario Unrepentant, ed è la risposta a questa domanda (da 70′- 05”).

Se diventi troppo grosso, gli anticorpi ti attaccano […] e questo è accaduto. Era chiaro che dal tribunale, molti crimini di cui non si era ancora sentito parlare, finalmente trovarono spazio. Delle persone raccontavano per la prima volta di sterilizzazioni, esperimenti medici sui bambini negli ospedali e nelle scuole della costa ovest. […]  Dopo aver testimoniato, i sopravissuti furono minacciati. […] E il fuoco cominciò a divampare perché le cose discusse in tribunale non riguardavano solo il passato. Si trattava di gruppi di pedofili ancora attivi grazie all’aiuto  di politici nativi e avvocati del clero. Crimini del presente iniziati nel passato, ma trascinatisi fino ad oggi nel mondo dei nativi… Finalmente mi apparve tutto chiaro. Compresi che tenevamo una vera e propria tigre per la coda. Non erano cose avvenute anni fa. Se fosse stato così, perché mai continuerebbero a perseguitarci? E’ acqua passata ormai, hanno zittito i testimoni, pagato la gente con i patteggiamenti…

E allora perché continuano?

Loro continuano con le molestie perché sono crimini attuali, si tratta di come ai giorni nostri i nativi siano sfruttati, i bambini indiani sono ancora usati, le loro terre vengono ancora rubate dalle multinazionali e i politici nativi sono importanti in questa faccenda, per questo non vogliono che la verità sulle scuole residenziali venga a galla, perché essi stessi sono implicati nei crimini. Da bambini erano i "caporali", quelli che collaboravano nell’abuso e nel controllo dei loro compagni studenti. Non vogliono che venga alla luce e questo ho iniziato a capirlo dopo la causa.

Annunci

3 risposte a “E' tutto finito? – Canadian's genocide III

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Eccomi. Hai fatto bene a fare quella puntualizzazione; peraltro il link é alla tua homepage proprio perché presagivo che avresti aggiunto altro. Ho visto quella parte ma ho dovuto in parte sintetizzare perché cmq quello che tutti dovrebbero fare é vedere con attenzione quel videodocumentario perché solo così si ha coscienza piena di cosa si sta parlando.Un abbraccioDaniele il Rockpoeta

  2. vero.grazie.

  3. Il bello della rete però è che questo tipo di notizie continuano e continuano e continuano a rimbalzare tra gli occhi e le coscienze di tutti. Ed io penso che i colpevoli per quanto forti non potranno nascondersi per sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: