Il peggio deve ancora venire   11 comments

Un mio caro amico vive la sventura, come molti universitari, di lavorare in un fast food per sbarcare il lunario. Proprio oggi mi ha raccontantato un fatto con occhi da pazzo allucinato.

Lui, studente di lingue e letterature con il sogno nel cassetto di insegnare, inglese riceveva un curriculum vitae  dove una dolce ragazza ventenne vergava tra i pochi dati, quelli fisici. Non solo altezza e peso, che già sarebbe imbarazzante, ma proprio le misure, tipo 82x70x95. E la cosa più folle è che molti suoi colleghi non battevano ciglio, ritenendo del tutto normale, la cosa.

Ora. Domani di certo il governo di Berlusconi non cadrà. Un po’ dei soliti affidabili centristi tanto smaniati dal Pd stanno passando dalla sua parte, però dobbiamo considerare l’ipotesi che un giorno, sicuramente lontano, Silvio Berlusconi sparirà dalla scena politica.. Se non altro quando dipartirà naturalmente e serenamente da questo mondo. Quanto ci vorrà? Dieci, venti anni, trenta?

Vi chiedo invece quanti decenni dovranno passare prima che si esaurisca la cultura di cui lui è stato il perfetto rappresentante e allo stesso tempo amplificatore mediante le sue Tv.

Non la farei facile alla Di Pietro. Non basterà mandarlo a casa.

Il peggio, se possibile, deve ancora venire.

PS in alto, modello di CV, formato italiano.

Annunci

Pubblicato settembre 28, 2010 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con

11 risposte a “Il peggio deve ancora venire

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Trattasi di Mc jobs, termine coniato da un sociologo scrittore di cui avevo letto qualcosa, ma che descriveva esattamente la stessa situazione.Gians

  2. Sono queste le cose che a volte mi fanno chiedere se ho davvero fatto bene a puntare tutto sulla testa, anche se quando mi chiedono insistentemente un curriculum con foto per posti non a contatto col pubblico qualche dubbio mi viene…

  3. Che non conosco. Ovviamente le mie sono riflessioni a buon mercato. Mi informerò.E' giusto puntare sulla testa. Per carità, certe volte serve anche bella presenza, che poi può voler dire molte cose, anche solo andare a lavoro non zozzi e decentemente vestiti. Ma le misure, Eli, qui siamo in un altro mondo.

  4. Difatti, la bella presenza non mi manca, sono carina, ho l'aria da brava ragazza, sembro pure più giovane, parlo con un accento non troppo marcato eccetera, perciò faccio anche figura, ma le misure… come lo spiego a mia figlia che queste cose non contano?!?

  5. mettere le misure in curriculum?ma è…è…impensabile, inaccettabile, completamente fuori luogo. Mai vista una così palese violazione del principio delle pari opportunitàrip

  6. x Rip: what's "pari opportunità"…? 😛

  7. Beh, rip, nessuno ti vieta a mettere anche le tue di misure nel CV! :)sam

  8. Non è che prima stessimo bene ma questi 16 berlusconiani anni sono stati devastanti, come una testata nucleare. E si sa che gli effetti delle radiazioni sono duri a morire.

  9. mah.è  la perfetta incarnazione del modello culturale che i canali mediaset hanno inaugurato e che ha lasciato strascichi inaspettati anche negli altri mass media. troppo poco si legge di testimonianze di chi si vergogna e si sdegna rispetto a certi modelli. non solo in tv. ma sulla stampa, per strada ,etc. la situazione è molto più grave di quanto si pensi. al di là di berlusconi stesso. è proprio tutto ciò che ha portato con sè, che ancor oggi ai più sembra sfuggire. la sua eredità sarà comunque pesante. in negativo ovviamente.saluticappellaio

  10. credo che in qualsiasi mestiere venga prima il cervello (beato chi ce l'ha)  e poi la bella presenza (che per carità non guasta mai) e  i due fattori non possono assolutamente essere invertiti, neppure nel lavoro più semplice (che me ne faccio di una 90-60-90 dietro la cassa di un fast food se poi non sa dare il resto o parlare un buon italiano?).questo i datori di lavoro lo sanno (chi cerca gente seria non è scemo) e forse quello che se lo ricorda di meno è proprio il ns presidente quando sceglie le sue ministre…  cmq se la tipa avesse accompagnato alle misure pure la conoscenza di un paio di lingue in più per esempio, c'avrebbe fatto sicuramente una figura migliore.. ma quella della preparazione è tutta un'altra storia…ahimè…

  11. Il problema è appunto affidare le proprie competenze alle misure del seno…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: