La mitologia di Avetrana   8 comments

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

Come sempre, è doverosa la prudenza. Si sta parlando di accuse e non certo di una sentenza. Anzi, qualcosa ci sarebbe da dire su come i giornali stanno trattando il caso di Avetrano e, nello specifico, come stanno dando per certe le responsabilità della cugina, nella morte di Sarah Scazzi.

Tuttavia una qualche riflessione è possibile farla a partire dal se fosse vero che la cugina ha condotto dal padre la giovane Scazzi, dopo che questa le aveva confidato di essere stata molestata dal suo genitore. Certamente doveva esserci odio pregresso, però non stupisce che in ambito familiare ci si allei con l’abusatore anziché con l’abusato. Esistono casi in Italia e all’estero in cui addirittura paesi interi si sono schierati a favore dell’abusatore/pedofilo. Quindi il comportamento della cugina non mi stupisce.

Di questa storia mi tocca profondamente il ruolo terribile dei media. I telegiornali e i servizi televisivi hanno invaso come non mai questa storia. La cugina di Sarah Scazzi che non perde un intervista per raccontare il suo impegno nel cercare la ragazzina, la madre che scopre della morte in diretta TV, le lacrime dello zio assassino.

Se con le gemelle Cappa si era toccato il fondo, col la ricerca di visibilità da parte delle cugine della vittima, qui sono gli attori principali (la madre, lo zio, la cugina) a portare l’intera faccenda in TV, una TV che diventa complice di questo orrore.

È una tragedia senza catarsi quella di Avetrana. Rivedo i volti dei personaggi e mi chiedo se davvero qualcuno di loro, di fronte alla TV, si è reso conto di quello che è successo. Dov’è Sarah in tutto ciò? E soprattutto: in quale ingeneroso e infecondo terreno è cresciuta quella ragazzina? Quante Sarah ci sono nel nostro paese? Quante madri intorpidite, drogate, davanti a Pomeriggio5? Quante cugine vedono ormai la televisione come una complice?

L’ultimo atto appena iniziato non potrebbe che svolgersi in questo modo: con la madre che paragona la nipote con l’unico esempio che possiede: quello televisivo di Anna Maria Franzoni.

La mitologia di Avetrana è in fondo questa. I suoi cantori sono Bruno Vespa e Barbara D’Urso.

Abbiamo perso anche il senso profondo del mito.

Annunci

8 risposte a “La mitologia di Avetrana

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. I media esistono proprio per raccontare queste cose, lo stracciarsi le vesti è solo la moda dei soliti lamentosi.

  2. E' arrivata in scena un'altra attrice sgomitante.

  3. ..VOGLIO E POSSO SOLO DIRE CHE è VERO CHE I MEDIA SI SONO INTERRESATI FIN DAL INIZIO DI QUESTA STORIA COSì DRAMMATICA, MA NON DIMENTICHIAMO IL FATTO CHE SE I MEDIA NON FOSSERO STATI COSI INSISTENTI SICURAMENTE LA STORIA FIN ORA NON AVREBBE AVUTO NESSUN RISULTATO… ADESSO PERò SONO DEL AVVISO CHE SI DOVREBBE UN Pò RALLENTARE LA MORSA ANCHE PERCHè QUI STIAMO PARLANDO NON DI COSE FUTILI MA DI UN OMICIDIO E DI SENTIMENTI PROFONDI CHE SI DEVEONO RISPETTARE…

  4. solo Dio e Sarah sanno chi è il colpevole,certo tutti vogliamo sapere la verità perchè Sarah è anche un pò figlia nostra.Però ora bisognerebbe lasciare che la polizia e la magistratura svolga il suo lavoro.Io credo che i colpevoli non sono solo quelli che hanno compiuto l'omicidio materialmente ammesso che siano più  di uno ma chi aveva capito o sapeva che c'era qualcosa che non andava. La mamma di Sarah non mi è mai piaciuta,il ghiaccio a confronto si scioglie prima.

  5. Cerco di seguire meno possibile tutto il caos "di contorno" mi interesso solo alle notizie principali in merito. Purtroppo però so da mia madre, che ha fatto per più di trent'anni l'assistente sociale in una zona di montagna, che famiglie così ce ne sono tante…

  6. #4: no, Sarah non è anche un po' figlia nostra. Non è questo il modo con cui si deve guardare alla cosa. Questo è sentimentalismo che è tanto dannoso quanto la ricerca di visibilità dei tanti (poveri) guitti di paese.
    Quanto alla madre, o la conosce, oppure è anche lei vittima delle televisioni.

    @ Eli: sì, è immaginabile che ce ne siano molte. Non ho dubbi in proposito.

  7. ah bello questo post.

  8. Grazie, piacere di conoscerti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: