Archivio per la categoria ‘marylin del mondo

Sybil, un film che racconta la sindrome delle personalità multiple.   Leave a comment

Finalmente sono riuscito a procurarmi il film, anzi, le due versioni del film “Sybil“, uno tra i pochi a trattare nella storia del cinema il tema delle personalità multiple, da un punto di vista quasi scientifico e psicanalitico.

sybil-1976

Già negli anni ’50, il cinema aveva esplorato questa malattia con “La donna dai tre volti” di Nunnally Johnson, tratto dal libro di due medici (scrive wikipedia in proposito: “Il film fa riferimento, non fedelmente, al vero caso di una donna sofferente di dissociazione mentale, Chris Costner-Sizemore, descritto nel libro di Corbett Thigpen e Hervey Cleckley The three Faces of Eve”) e con “La donna delle tenebre” di Shirley Jackson.

Tuttavia è solo con Sybil (tratto da una controversa storia vera – quella di Shirley Ardell Mason e della terapeuta che l’ha avuta

in cura – descritta in un libro del 1973), soprattutto nell’originale del 1976, che lo spettatore viene veramente messo di fronte al dramma di questa malattia e cosa significhi convivervi, spesso inconsapevolmente.

Se nel remake del 2007, il regista statunitense Joseph Sargent, ha dimostrato una curiosità fin eccessiva sulle differenze tra le varie personalità (ben sedici nel caso Ardell Mason, di diversa età e genere), il primo film del 1976 del regista Daniel Petrie affronta in modo molto più coraggioso la malattia – descritta anche dal punto di vista cinematografico con sequenze o musiche frammentate, spezzate, come l’io della protagonista – ma soprattutto le possibili cause: ovvero, i continui maltrattamenti, sfocianti in vere e proprie torture subite fin dall’infanzia da parte della madre.

Ma il film racconta anche l’incontro di due donne e il coraggio di entrambe di andare avanti, nonostante le controversie e il fatto che sia stato scritto e detto, anche recentemente, che fu tutta una montatura.

Questo film racconta la storia di una sofferta ma, alla fine, sopraggiunta guarigione.

Annunci

Stabat Mater   Leave a comment

Ho ritrovato su youtube il video di quello che forse è stato lo spettacolo più intenso che abbia visto in teatro, anni e anni fa: Stabat Mater di Tarantini. Rivederlo oggi, pur in una qualità video non eccezionale, mi ha di nuovo emozionato.

Vorrei condividerlo qui.

 

 

 

Malala ha vinto   Leave a comment

La BBC propone la prima video intervista della giovane ragazza pakistana colpita dall’odio (o dalla paura?) dei talebani.

La sua voce è serena e determinata, nonostante la convalescenza.

Malala ha vinto sull’odio, sulla follia dell’uomo sull’uomo. Malala ha vinto su un gruppo di uomini adulti, armati, che hanno tentato di ammazzare una ragazzina che aveva la colpa di pensare liberamente.

Una ragazzina di 15 anni ha vinto migliaia di vigliacchi e folli  invasati fondamentalisti religiosi in tutto il mondo, abili osservatori di una fede che però, guarda caso, li pone sempre dalla parte dei più forti, dei più giusti, della ragione.

Oggi, con il volto segnato dalla ferita, questa piccola pakistana ripete al mondo “I want to serve the people and I want every girl, every child, to be educated.” e dà vita al Malala fund.

Grazie Malala.

La bastarda di Istanbul, un romanzo di Elif Shafak.   Leave a comment

In questo periodo travagliato alla ricerca di una casa, tra case oscene e case perse, di sicuro una boccata di aria pura mi è arrivata dalla lettura de “La bastarda di Istanbul” di Elif Shafak. Anzi, diciamola proprio tutta: questo libro meriterebbe un posto d’onore tra le cose per cui  vivere, come ha scelto meravigliosamente di intitolare il suo blog, Ipitagorici.

Elif Shafak, che per questo libro ha subito un processo – concluso con una sentenza di assoluzione – racconta l’epopea di un popolo, quello armeno, ma non solo: è un viaggio nel tempo, nell’animo, nelle contraddizioni che rendono la Turchia di oggi quello che è, nei segreti di una famiglia, nella solidarietà fra persone. Nella necessità di riconoscere un dramma, ma anche di saper personare.
Ed è un racconto tutto al femminile, nel quale Istanbul, pur non essendo descritta praticamente, è in realtà ovunque: nei cibi, negli odori acri e pungenti delle strade, nella brezza che accarezza i personaggi, nelle loro menti e storie. Silenziosa e onnipresente protagonista di questo splendido romanzo. Che non posso che consigliare a chi passa di qui.
 
A parte: in questa intervista, l’autrice ci spiega il suo punto di vista sull’importanza dell’ingresso della Turchia. E la necessità di “costruire ponti”, perché nessuna cultura può arricchirsi nell'isolamento

Alla guida dell'auto, per protestare contro l'ottusità.   5 comments

[Se c'è qualcuno che ancora passa di qui, in questa landa abbandonata, beh… mi devo davvero scusare. Il fatto è che la ricerca della casa mi sta impegnando non tanto dal punto di vista del tempo. Avrei certo modo di scrivere qualche post. Purtroppo, sento che le mie energie mentali vanno davvero in quella direzione e ho pochissima voglia e forza di scrivere qui. Tuttavia, mi sto segnando delle notizie o delle cose, di cui un giorno vorrò scrivere.

Però oggi, qualcosa provo a scriverlo].


Nascere donna può essere, in molte parti del mondo, decisamente complicato. Persino in Italia, essere donna può esserlo, vista la matrice patriarcale della nostra cultura che poi si manifesta, per esempio, nella bassa percentuale di donne occupate in grosse aree del paese o nell'esigua presenza di donne manager in ruoli chiave in aziende o, anche solo, in politica.

Però nascere donna in paesi in cui vige il fondamentalismo religioso è letteralmente un incubo (ancor più considerato che le grandi religioni monoteiste sono di fatto maschiliste, checché se ne dica e, considerato che le religioni impongono il proprio potere sui fedeli e anche, quando possono, su tutti, anche compiendo quello che potrei chiamare la discriminazione nelle piccole cose, o i divieti assurdi su cibi, bevande, vestiti, divertimenti, gesti di vita quotidiana).
Così in Arabia Saudita, per esempio, dove alle donne, tra l'altro, è fatto divieto di guidare. Perché? Io non ci vedo nessun motivo logico. Non che le religioni siano logiche, questo è palese, ma anche guardando alla dottrina, cosa c'entrano Maometto e il Corano con la guida di un autovettura?

Ebbene, forse sull'onda di quel vento così tanto femminile che è soffiato in Egitto, in Tunisia e in un po' tutto il sud del Mediterraneo, parrebbe che un gruppo di donne stia organizzando un vero e proprio atto di protesta, sfidando il regime politico e religioso, mettendosi alla guida di un'auto

Credo che questo non sia solo un gesto simbolico, ma che possa arrecare loro guai seri. Per questo, gli occhi così spesso distratti dell'opinione pubblica internazionale dovrebbero seguire con attenzione a quanto capiterà a Riad.

Nella speranza che possa essere l'inizio di una nuova era anche per l'Arabia Saudita. Ma potrebbe trattarsi anche di un arresto di massa.

Qui, il gruppo di supporto su Fb (ma ne esiste anche uno di uomini che invitano i mariti a picchiare le moglie attiviste e non permettere loro di partecipare alla manifestazione).

Qui, twitter.

Offside, un film di Jafar Panahi   2 comments

Invitato da alcune amiche, la scorsa sera sono andato a vedere Offside, senza saperne praticamente nulla. Già mi immaginavo un film drammatico, forse retorico.
Nulla di più sbagliato. Offside (Fuorigioco )è un film che per tutta la sua durata mantiene un carattere leggero, supportato da un sincero umorismo. Ed è attraverso questa modalità che il regista ci racconta l’assurdità delle regole imposte nella Repubblica islamica iraniana, che si svela tutta in questo semplice scambio di battute:
 

  • Perché le donne non possono assistere ad una partita allo stadio?
  • Perché i maschi in caso di sconfitta potrebbero dire parolacce.
  • E allora perché nella partita Iran – Giappone, le donne giapponesi hanno potuto seguire la partita all’interno dello stadio con i loro uomini?
  • Le donne giapponesi mica capiscono la nostra lingua!

 
Con queste parole il giovane soldato – che tutto vorrebbe, tranne che stare a fare il soldato – risponde ad una ragazza fermata per aver tentato di entrare di nascosto allo stadio, e nelle sue parole si riassume la summa di regole assurde e anacronistiche che nessun giovane in Iran parrebbe capirne ancora il senso.
 
Il regista usa l’arma della sobrietà, della leggerezza, della freschezza della giovinezza per rispondere al regime del pupazzo Ahmadinejad e dei maledetti pupari Ayatollah.
Una critica che colpisce a fondo, proprio perché non gridata, ma detta col sorriso sulle labbra, guardando con ammirazione e fiducia ad una generazione – quella dei giovani – che potrebbe rovesciare (come sta accadendo altrove dalla Tunisia all'Egitto alla Siria) il regime autoritario presente in Iran.

Una critica che i maledetti mullah iraniani hanno mal sopportato: il regista, già autore de “Il cerchio” (Leone d’oro a Venezia), già arrestato nella primavera dell’anno scorso ma poi rilasciato, è stato quindi condannato a sei anni di reclusione e venti di inattività.

Non possiamo fare molto per lui, ma qualcosa sì: andare a vedere il suo film, promuoverlo sui vostri blog e siti e magari firmare la petizione promossa dall’associazione Nessuno tocchi Caino che trovate qui.

Una pagina di storia   Leave a comment

In Egitto è stata scritta una pagina di Storia. Nella mia vita di 36enne, non ne avevo mai vista una in diretta. Arrivano parole rotte dal pianto e grida di felicità per l’abbandono del dittatore.

E’ stata scritta una pagina di storia, come ha detto Obama, con la forza della non violenza di questo popolo di ventenni che non ha abbandonato la piazza, vero cuore pulsante della rivoluzione.
Una delle testimonianze che più mi aveva colpito era quella di una ragazza che diceva che non potevano più tornare a casa, per la paura di venire presi dalla polizia. E allora restavano ad oltranza nella piazza, presidiata anche dagli occhi delle televisioni del mondo (e forse è anche per questo che non siè consumata in un bagno di sangue).

Internet ha svelato le sue potenzialità e ora, le dittature, ne avranno ancora più timore.

Guardo all’Egitto con fiducia. Sono certo che quei giovani e quelle giovani non permetteranno la salita al potere dei fondamentalisti islamici, perché quella piazza era davvero eterogenea e non guidata dal fanatismo religioso. E sempre a loro in compito di far sì che né l’Iran, né Hamas mettano il cappello su una rivoluzione che nulla ha a che fare loro.

Grazie a quei ragazzi che ci hanno insegnato – anche con la morte – che un mondo migliore è possibile.

(le foto, in alto e molte altre, le trovate su questo ottimo blog)