Archivio per l'etichetta ‘colonna infame

Muore Cossiga, una degli oscuri figuri della nostra recente storia   4 comments

E spiace. Spiace perché finirà nella tomba un bel pezzo dei misteri italiani. Spiace perché ora che già si sentono da più parti i lamenti di chi lo considera "un grande italiano", "un padre della patria", nessuno si chiederà che cosa sapesse.

Il mondo dei media ha preferito consideralo come un nonnino rincoglionito, che dagli anni ’90 si divertiva a fare il picconatore, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa. Ma nessuno ha mai preteso che dicesse quel che sapeva.

Peccato se ne sia andato così.

Io avrei voluto sapere che cosa è realmente successo nella manifestazione radicale in cui morì Giorgiana Masi. Che fosse indagato per quanto disse nella spietata intervista “Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand`ero ministro dell`Interno”, cui seguì la risposta dell’ex presidente della commissione stragi, Giovanni Pellegrino: “le parole di Cossiga pronunciate sull’accaduto confermerebbero come quel giorno ci possa essere stato un atto di strategia della tensione, un omicidio deliberato per far precipitare una situazione e determinare una soluzione involutiva dell’ordine democratico, quasi un tentativo di anticipare un risultato al quale per via completamente diversa si arrivò nel 1992-1993”.

Sarebbe anche stato utile sviscerare un po’ meglio la questione dei comitati per la crisi nel caso Moro, composti per lo più da piduisti, all’epoca in cui Cossiga era Presidente del Consiglio.

E a proposito di P2 e massoneria, sentire la risposta alla domanda fatta anni addietro da Paolo Bolognesi dell’Associazione Vittime della Strage di Bologna: Le nuove piste non sono altro che l’insieme di vecchi depistaggi tirati fuori dal presidente Cossiga e dalla Commissione Mitrokhin, una commissione parlamentare che mesta nel torbido per confondere le acque […] sarebbe ora che spiegasse come mai si è circondato, nei momenti più delicati della vita politica italiana, di piduisti. Sarebbe ora che rendesse pubblico il motivo della grande attenzione che lo porta, sempre, a sponsorizzare i pluriomicidi Mambro e Fioravanti.

E Gladio? Dove lo mettiamo, Gladio (quando fu messo nelle grane dall’altro figuro oscuro del nostro paese, Andreotti) e i suoi legami di Cossiga con il cosiddetto “partito del golpe”?

E Ustica? Una nuova inchiesta è partita da un’altra sua intervista, quella in cui parlava di un aereo libico.

Centinaia di vittime attendono di sapere la verità. l’Italia stessa attende che si faccia luce su tutti quei terribili anni per la nostra fragile democrazia che vide ai vertici persone come lui o Andreotti, e che portarono alla sciagura berlusconiana che oggi viviamo.

Oggi muore uno dei più oscuri figuri del nostro paese. E verrà pure decantato come un padre della patria.

Eccolo, allora, il padre della patria, in uno dei suoi migliori interventi:

Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città. Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri. Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano. Soprattutto i docenti. Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che indottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!

GIORNO/RESTO/NAZIONE" di giovedì 23 ottobre 2008

Pubblicato agosto 17, 2010 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con ,

Morto il presidente polacco Lech Kaczynski   17 comments


Una delle figure più oscurantiste dell’Unione Europea è morta ieri in un incidente aereo (sarà veramente un incidente?).

Il presidente polacco Lech Kaczynski, insieme al fratello gemello, ha tenuto la Polonia in un medioevo ideologico sfoggiando un integralismo cattolico che fa orrore. La loro ideologia era populista, antieuropea, nazionalista, ultraconservatrice. Non a caso apprezzata tra le persone delle campagne, e tra gli strati della popolazione meno istruita e più impaurita che fecero vincere loro le elezioni del 2005.

I gemelli non hanno mai nascosto il loro pensiero anti-abortista, contro gli omosessuali, contro qualsiasi diritto civile. Non è un caso che la Polonia avesse già ricevuto la visita estatica di Ratzinger.

Con questa morte, l’Europa dei diritti può tirare un sospiro di sollievo.

Pubblicato aprile 11, 2010 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con ,

L'altra storia di Madre Teresa di Calcutta   8 comments

Avevo già scritto di come Guardian e scrittori come Hitchens avessero denunciato i metodi della piccola matita di Dio, Madre Teresa di Calcutta.

Di come i suoi centri non fossero ospedali attrezzati, pur con tutti i soldi raccolti in giro per il mondo, ma semplici posti dove i più poveri del mondo attendavo la morte.

Ovviamente in compagnia di Dio.

Ovviamente in compagnia del dio della suorina.

PS il video finisce stupidamente. Poco mi importa se la suora credesse o meno. Ciò che mi importa è che non avvenissero abusi nelle strutture da lei e dalle sue suore gestite.

Grazie a Salvatore.

E' morto Mike Bongiorno   9 comments


E’ stato un monumento vivente alla mediocrità. Un qualcuno che ha ripetuto per anni, anni, anni, anni la piccolezza, la banalità.


E’ vero. Non era certo pericoloso come Maria De Filippi che ha insegnato a così tanti ragazzi a mangiare merda e trovarla buona, ma con lui è stato come mangiare una minestrina sciapa  riproposta per qualcosa tipo 50 anni.

No, non mi mancherà proprio. Ha comunque contribuito, perfetto strumento nelle mani di qualcun altro, all’istupidimento del mio paese.

Pubblicato settembre 9, 2009 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con ,

In morte di Gianni Baget Bozzo   2 comments


[…] di poco, pochissimo, ma il mondo è meno lercio.

Pubblicato maggio 8, 2009 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con

Colonna Infame per G.W. Bush   11 comments

Normal
0
14

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;}

Addio Stupid White Man,

non sentiremo la tua mancanza, anzi ci vergogneremo di fronte alla storia dei tuoi occhi scemi e del tuo sorriso fesso.

Sei stato forse il presidente peggiore nella storia del tuo paese: schiavo delle lobby del petrolio, degli armatori, della destra ultrareligiosa, delle assicurazioni.

Hai sulla tua coscienza, sempre che tu ce l’abbia, la guerra in Iraq, quella in Afghanistan per colpire un qualcuno che non si sa nemmeno se esiste (se la Cia avesse detto che Bin Laden si nasconde in Europa, avresti fatto bombardare a caso l’Europa?), le vergogne e le torture di Guantanamo, un paese trascinato nella crisi economica e con esso il mondo, i morti di New Orleans, i voli Cia (e con te devono vergognarsi molti leader europei), il totale disinteresse per l’ambiente.

Dopo otto anni con te alla guida degli Stati Uniti, non solo quel paese, ma l’intero pianeta è più cupo, più violento.

Nessun futuro presidente farà fatica ad essere migliore di te.

Potrebbe esserlo anche il barboncino degli Obama.

Pubblicato gennaio 14, 2009 da samuelesiani in Senza categoria

Taggato con