Archivio per l'etichetta ‘il mostro di Marcinelle

La testimonianza di Regina Louf – parte II   2 comments

Regina Louf è nata nel 1969 e quindi ha solo pochi anni più di me. È vissuta nella parte fiamminga del Belgio e la sua lingua è il dutch (l’olandese). Questo particolare ha comportato un iniziale problema con il giudice che, per primo, ne ha raccolto la testimonianza (il giudice Connerotte) perché non conosceva che il francese. A far da traduttore e tramite è stato il poliziotto De Baets che diviene poi il capo dell’equipe che dalla seconda metà degli anni ’90 si occupa delle audizioni di X1 (il nome con cui, inizialmente, si è voluta coprire l’identità di Regina).
De Baets è stato successivamente allontanato dal caso e buttato fuori dalla polizia durante questa indagine con accuse che poi risulteranno infondate… per poi essere richiamato, con tanto di scuse ufficiali, nel 2002. Anche il giudice Connerotte è sollevato dall’indagine collegata a Dutroux (è necessario ribadire con forza già da subito che Dutroux non è il predatore solitario, come viene talvolta definito da certa stampa, ma un piccolo tassello di un mosaico, raccontato da Laetitia, una delle ragazze tratte in salvo dalla polizia dalla sua cantina).
 
Per ora, però, vorrei limitarmi alla testimonianza di Regina e non all’affare Dutroux e al processo che ne è seguito. Contemporaneamente alle deposizioni di Regina ed indipendentemente e inconsapevolmente da queste, altre ex-vittime (note come X2, X3, etc.), hanno cominciato a testimoniare, portando agli occhi degli inquirenti una realtà inquietante, realtà che spesso poteva trovare riscontro incrociando i dati delle varie testimonianze (su questi argomenti è disponibile, anche se molto caro, un testo che raccoglie un’inchiesta di alcuni coraggiosi giornalisti belgi Anne-Mie Bulté, Douglas De Conink, Marie-Jeanne Van Heeswyck, che ha per titolo «Les dossiers X. Ce que la Belgique ne devait pas savoir sur l’affaire Dutroux», Editions EPO, Bruxelles, 1999, ad oggi introvabile, ma vedrò di procurarmene una copia e di tradurre anche questo).

laetitia delhez

sabine dardenne

Ma che cosa aveva dato il via a queste testimonianze? Per Regina è stato l’arresto di Marc Dutroux e soprattutto la conseguente liberazione di due ragazzine rapite (Sabine e Laetitia, qui nelle foto). Questo fatto ha dato la stura, forse, anche a molte altre ex-vittime che devono aver sperato che qualcosa potesse cambiare e ha portato loro a raccontare la propria storia. Ufficialmente però, all’interno dell’indagine, solo la testimonianza di Regina ha avuto un seguito, tra l’altro molto drammatico perché ha quasi visto la donna trasformarsi, anche grazie ai media, da testimone-vittima in quasi indagata. Regina, che a quel punto temeva per la sua vita, si è trovata costretta ad uscire dall’anonimato, anche a causa della pubblicazione scorretta e corrotta di brani delle sue audizioni che hanno gettato ombre su di lei e sugli investigatori. L’opinione pubblica belga si è così divisa fra chi le credeva e chi no – a parole, a sensazione – ma non è parsa realmente interessata a che la sua testimonianza trovasse oggettivi riscontri, prima di giudicare. Verificare prima di giudicare.
Annunci

La testimonianza di Regina Louf – parte I   5 comments

Non è la prima volta che parlo, all’interno del mio blog, della testimonianza Regina Louf. Con una serie di post, a cominciare da oggi, vorrei però affrontare la sua storia in modo un poco più preciso e dettagliato, cercando anche di spiegare perché a me, a noi, dovrebbe interessarci Regina. Una storia la sua, che è sì quella della sua vicenda umana legata alla sua infanzia e giovinezza, ma che riguarda centinaia e centinaia di altri bambine e ragazzine (ma anche bambini di sesso maschile) come lei vittime di attivissime organizzazioni internazionali pedofile.
La sua testimonianza, come ho già avuto modo di dire, ricalca – perfino in alcuni particolari precisi – quella di altre ex vittime come l’americana Kathleen Sullivan, Lauren Stratford, ma anche quella di vittime italiane, alcune delle quali si occupa l’Associazione Italiana Scientifica e Giuridica contro gli Abusi Mentali, Fisici e Tecnologici.
Tutte le testimonianze dicono le stesse cose.
 
Per quanto mi riguarda, ho fatto mia la testimonianza di Regina e vi ho creduto.
Ad oggi sto traducendo la sua storia, raccolta nel libro autobiografico tradotto in lingua francese «Silence on tue des enfants!», édition Mol – Factuel édition, 2002 (ma la prima edizione è del 1996 o 1998, non ricordo con esattezza l’anno. Intanto qui le motivazioni dell’editore che l’ha pubblicata.) nella speranza che un giorno possa circolare, aiutare e dare coraggio ad altre ex vittime. O anche solo possa contribuire a far aprire gli occhi su questo orrore, che non si svolge in Africa, con i bambini soldato, ma nell’appartamento di fianco al nostro.
Per quanto riguarda la sua storia e alcuni articoli afferenti (taluni tradotti anche in italiano), qualcosa è presente su “Radical Party, sito affidabile e ufficiale del “Partito Radicale Transnazionale”.
La sua vicenda umana (la loro vicenda umana) è attuale, e racconta di una vera e propria  condizione da campo di concentramento in tempo di pace e sotto gli occhi di tutti: maestri, vicini di casa, professori, medici, etc.
Se volete conoscere la sua storia, che cercherò di raccontare nel modo più semplice e meno pesante possibile, continuate a leggere i post che inserirò nei prossimi giorni.
 
Se volete ascoltarla, intanto, perché Regina è una donna in carne ed ossa, dei nostri tempi e non di mille anni fa, su youtube potete trovare una sua intervista in più parti rilasciata nell’ambito di un documentario della BBC, che ne ha seguito il caso.