Archivio per l'etichetta ‘Omosessualità

Il coraggio della comunità LGBT ugandese   Leave a comment

Ci sono posti nel mondo dove essere gay significa rischiare non solo lo stigma sociale, ma anche la propria vita.

Uno di questi paesi è l’Uganda, promotrice di leggi terrificanti contro gli omosessuali del proprio paese, poi per fortuna abolite dalla loro corte costituzionale.

Ecco allora che un Pride compiuto in quella terra, in quelle condizioni, in quel contesto sociale ha un che di eroico e merita tutto il nostro rispetto.

Da qualche giorno, abbiamo un qualcosa in più a cui ispirarci e trarre forza.

Olocausti in corso   5 comments

Nel giorno della memoria il mio pensiero a tutte le vittime della follia dell’uomo sull’uomo. A quegli ebrei, ma anche a quei tanti disabili, rom, prigionieri politici, omosessuali uccisi dalla follia nazi-fascista.

Ma olocausti più piccoli sono tuttora in corso, sotto i nostri occhi: nella Russia che incarcera e uccide giornalisti e politici avversi al potere; nell’Uganda che pubblica su una rivista i nomi, le foto, gli indirizzi di 100 attivisti gay con l’appello “Impiccateli”; in tutti quei luoghi dove centinaia di migliaia di bambini sono costretti alla prostituzione, alla pedopornografia, alla morte. Ma quanti altri esempi ci sarebbero…

Non ci deve essere sufficiente ricordare. Dobbiamo fare, non solo per evitare che il passato si ripeta, ma perché altri olocausti cessino.

Acqua storta, un romanzo di L.R. Carrino   Leave a comment


Il breve romanzo con cui esordisce il napoletano L.R. Carrino è uno straordinario spaccato nel mondo della camorra e di cosa possa significare essere gay in quell'ambiente fatto di machismo, regole precise e violenza.
Ma non è solo la storia in sé che colpisce – di amori impossibili è piena la letteratura, come il cinema, basti pensare a Maurice o Brokecak Mountain – quanto la scrittura fluida e inesorabile che rende Acqua storta
un colpo di pistola. O forse un bisturi che procede velocissimo nell'animo del lettore (e, detto tra parentesi e con grande ammirazione, Carrisi ha quel talento nella scrittura che avrei sempre voluto).

Il libro è del 2008. Di poche settimane fa è invece il fumetto tratto da questo libro, che vede la sceneggiatura di Valerio Bindi e il disegno, scarno ed essenziale nel suo bianco e nero brutale da xilografia – scrive Massimo Basili nella sua recensione sul numero 136 di Pride – di Maria Pia Cinque (in arte MP5).

Da non perdere. Libro e fumetto, entrambi editi da Meridiano Zero.