Archivio per l'etichetta ‘Sindrome delle personalità multiple

La testimonianza di Regina Louf – parte V   8 comments

Mi chiedevo prima, perché ci si è tanto preoccupati di schierarsi pro o contro Regina e non si è piuttosto cercato di verificare quanto da lei detto? Perché delle tante perquisizioni che potevano e dovevano essere fatte, ne sono state fatte solo alcune a casa della stessa Regina per verificare che non avesse ottenuto informazioni sui vecchi casi di cui parlava da – che so? – giornali dell’epoca o altro? Perché?
Perché l’onesto giudice Connerotte è stato tolto dall’indagine solo per essersi trovato nella sala in cui si festeggiava con una spaghettata il recupero delle due bambine dalla cella di Dutroux? Del resto, il giudice non aveva neanche avvicinato le due bambine, né parlato con la famiglia pur presente alla spaghettata. La sua oggettività era stata rispettata (per altro, non possiamo dimenticare che Dutroux è colpevole, mentre le due bambine le vittime!).
Perché a casa di Dutroux è stato mandato una prima volta un graduato della polizia totalmente incompetente come Rene Michaux che non si è neppure accorto che Dutroux teneva segregate in cantina due bambine, Julie e Melissa (che moriranno di fame e di sete, durante il primo arresto di Dutroux!), nonostante in cantina ci fossero oggetti che dovevano far necessariamente pensare ad abusi sessuali?
Perché le telecamere che tenevano sotto controllo la casa di Dutroux non hanno funzionato quando questi portava a casa delle bambine rapite? Domanda che potrebbe funzionare bene anche per tanti casi di misteri italiani (ad esempio anche nel caso di Emanuela Orlandi: neanche lì le telecamere del Senato che avrebbero potuto aiutare a capire che fine aveva fatto, avevano funzionato).
Perché non si è voluto vedere che Dutroux, Nihoul, il Tony di Regina erano tutti in qualche modo collegati fra loro, anche direttamente o tramite affari?
Perché nessuno risponde da oltre dieci anni a queste domande? Perché il dossier di Regina come lei stessa sostiene in una intervista del 2002, gira di Procura in Procura e non si riaprono le indagini collegate alla sua testimonianza???

La testimonianza di Regina Louf – parte IV   5 comments

Avviso ai lettori: il post che segue è piuttosto duro. Vi chiedo di fare comunque lo sforzo di leggerlo, anche se comprendo che possa essere traumatizzante. Eppure è capitato e capita ancora oggi.
 
La storia di Regina non è solo quella di un comune – permettetemi questo aggettivo – abuso in ambito familiare. La sua storia è infatti iscrivibile in un ambito ben più complesso dove soldi, potere, armi e ricatti si mescolano con gli abusi sessuali. Regina parla in modo chiaro di ricatti, per esempio, dove gli incontri di ragazzine (uso volutamente il plurale: Regina racconta di molte, moltissime vittime) vendute a politici, a imprenditori, a uomini appartenenti al mondo della Giustizia, della Finanza, del potere in genere, venivano puntualmente filmati o fotografati con l’intento di ricattare questi o tenerli buoni in caso di pericolo (sarà anche per questo che contro Regina si è sollevato un tale vespaio? Che qualcuno si sia mosso contro, anche perché ricattabile o ricattato?).
Un ambiente complesso, dicevo, in cui perfino certi abusi estremi legati ad ambienti sado-masochisti, paiono quasi addestramenti militari, volti a aumentare la soglia della sopportazione. Chi ce la faceva andava avanti, gli altri, a detta di Regina, morivano…
Nel libro di Regina, sono anche narrati questi omicidi ed altri. Molte ragazzine, per esempio, venivano usate fino ai quindici, sedici anni e quindi fatte sparire, quando potevano diventare pericolose. Regina ha assistito e in certi casi, sotto minaccia, partecipato ad alcuni di questi assassini: cita Chrissie – il cui corpo è stato trovato dopo anni. Molte delle ferite ricalcano perfettamente quanto descritto da Regina; Cita Veronique – la cui morte è stata attribuita ad un malattia oncologica. I genitori non hanno mai concesso l’autorizzazione alla riesumazione del cadavere per verificare quanto detto da Regina, né citato per diffamazione la donna (comprensibilmente, perché secondo Regina, il padre di Veronique faceva parte dell’organizzazione che ha ucciso la figlia. Sta di fatto che l’atto di morte è stato redatto da due neurologi e non da un oncologo…). E molte altre.
Queste ragazzine sono state inoltre utilizzate per dare alla luce neonati che poi venivano loro sottratti per essere utilizzati in snuff movies (vedi questo articolo del Corriere della Sera, per esempio).
In tutte questo, Tony era sempre presente o c’entrava sempre, secondo Regina. Eppure su di lui non si è praticamente indagato. Micheal Nihoul, arrestato nell’ambito dell’inchiesta Dutroux, e accusato solamente di spaccio di stupefacenti, l’uomo che si permetteva di sfottere gli investigatori (e allo stesso tempo lanciava minacce neanche tanto velate dicendo, per esempio, “conosco un giudice che amava vestirsi da donna nelle orge che organizzavo…” – si veda la sua autobiografia) è stato rilasciato e già iniziava ad avere permessi nel 2005.
È incredibile vero? Eppure la testimonianza di Regina è stata considerata ritenuta meritevole di essere presa in considerazione dall’equipe di psichiatri che ne ha valutato l’attendibilità. Pur soffrendo di DID, la sindrome delle Personalità Multiple, Regina non è né pazza, né mitomane. La sua testimonianza doveva essere verificata, doveva essere utilizzata ai fini dell’indagine. Del resto, ogni testimonianza deve essere verificata nell’ambito di un’indagine. Senza dimenticare che la stessa presenza della sindrome implicava un passato di abusi sessuali sistematici che praticamente sconfinano nella tortura.

La testimonianza di Regina Louf – parte III   5 comments

Perché l’opinione pubblica si era tanto sconvolta di fronte a quanto trapelava della testimonianza di Regina? Perché molti, anche in buona fede (quelli in mala fede è facile comprenderlo) hanno preferito pensare che fosse pazza, ben sapendo di andare contro il parere di un’equipe di psicologi e psichiatri che invece la considerava traumatizzata ma non folle?
Perché la storia di Regina è incredibile e terrificante.
regina louf - silence on tue des enfantIo non sono una persona particolarmente sensibile, eppure, credetemi, ho fatto fin qui una fatica estrema a tradurre le parole di quel libro, inviato alle stampe per proteggere Regina quando è uscita dall’anonimato. «Silence on tue des enfants» è un libro che raccoglie la sua storia. In esso si trovano anche le strazianti pagine dei rivissuti scritte durante la terapia psicologica, mentre cercava di ricomporre un io frantumato dagli abusi.
Perché di questo si tratta: abusi sessuali.
Abusi che su Regina iniziano in modo sistematico nella casa/pensione della nonna a Knokke, cittadina balneare nel nord del Belgio, frequentata dalla ricca borghesia belga. I genitori di Regina l’hanno lasciato come un pacco postale da quando aveva un anno e mezzo nelle mani di questa terribile donna che era la nonna. Lì vi restava per tutta la settimana lavorativa e nel weekend, talvolta, i genitori tornavano a prenderla.
La nonna, da quando la bambina aveva due, tre anni, l’ha messa a disposizione di pedofili locali e stranieri e l’ha allevata come una piccola prostituta per facoltosi bastardi. Spesso da bambina è stata utilizzata – ricorderà Regina da adulta – per video pedo-pornografici, i cui set erano anche nella casa/pensione della nonna.
A dieci anni, Regina torna definitivamente a Gand presso i genitori. Questi non la accolgono certo per affetto, ma perché alcune voci stavano correndo a Knokke, e la stessa bambina si stava confidando con i genitori di un’amichetta. Era dunque necessario farla sparire.
A Gand, passati due anni, Regina viene affidata ad un certo Tony, amico di famiglia e amante della madre. L’uomo, che possedeva la chiave di casa, abuserà ripetutamente di lei e ne diventerà il magnaccia con il consenso dei genitori e soprattutto della mamma.
Tony ha ammesso questi abusi durante un interrogatorio davanti ai poliziotti in uno dei pochi confronti che sono seguiti alla testimonianza di Regina. Per quanto se ne sappia non ha fatto un solo giorno di carcere, nonostante abbia ammesso di aver avuto rapporti sessuali con una ragazzina di dodici anni.
Molti poliziotti, ricorda Regina, le facevano notare che forse lei stessa lo voleva, che in fondo era consenziente.
Consenziente, una ragazzina di dodici anni. Tony ne aveva all’epoca più di quaranta.